Il ritratto di Rosalia Novelli tra Virdimura e Mariannina Coffa

L’evento sarà presentato domani presso il Fondo antico, in una delle sue eccezionali aperture

MONREALE, 27 aprile – Per la prima volta dopo anni sarà aperta la sezione Fondo antico della biblioteca Santa Maria La Nuova (complesso monumentale Guglielmo II) per la presentazione dell’evento, domani, alle 17,30, “La donna e l’intelligenza: una sfida lungo i secoli”, nel corso del quale sarà presentato il libro di Rita Alù “Io Rosalia N.”, edito dalla casa editrice Torri del Vento, sulla “monrealese” Rosalia Novelli, figlia del più famoso Pietro.

La riflessione continuerà sulla “medichessa” siciliana Virdimura, vissuta nel Medioevo, e la poesia ottocentesca di Mariannina Coffa, nota anche come la “Saffo netina”.
La donna e la cultura, fra difficoltà e pregiudizi, nel corso dei secoli, attraverso tre esempi inediti di figure femminili, il leitmotiv dell’appuntamento; al termine del quale saranno visitabili: il Fondo antico, con i suoi pregevoli volumi, lo scalone monumentale del Marvuglia e il quadro “San Benedetto distribuisce la regola sotto forma di pane agli ordini cavallereschi e religiosi”, considerato il manifesto di Pietro Novelli.
Coordina la docente di Lettere Romina Lo Piccolo. Interverranno l’autrice Rita Alù, la giornalista Maria Modica, l’artista Franco Nocera. Letture dell’attrice Silvia Alù. Interverranno il sindaco Piero Capizzi e l’assessore Giuseppe Cangemi.

Commenti  

#1 Prof. Cristina Tornali 2018-05-01 18:50
Carissimi tutti,mi complimento di cuore per questa iniziativa alla quale, sapendolo avrei partecipato con grande interesse.In realtà la Vidimura non fu medichessa, titolo che si è da secoli risevato alle donne (e sono tante) che nella storia ebbero interesse e pratica per questa nobile arte e scienza. Vidimura fu vera "dottoressa" . La sua "laurea" , la prima femminile in assoluto al mondo è datata , come sappiamo. il 7 novembre 1376 . Virdimura sostenne un vero e proprio " esame di stato " a Palermo, grazie ad una commissione regia di fisici in virtù delle leggi federiciane . Insomma, in Sicilia (non ancora in Italia, perchè siamo prima dell'Unità d'Italia) abbiamo il primato "mondiale" della prima donna medico della Storia. Questo "primato " lo stiamo già dal 2014 promuovendo personalmente come Presidente dell'AIN ONLUS (Associazione Italiana per neurodisabili ) insieme alla Società di Storia della Medicina, insieme al suo Presidente, il prof. Elio Cardinale. Perchè ? In realtà la curiosità è nata personalmente , datosi le mie vicissutudini personali ( incidente stradale che mi porta in coma) e la mia (Deo gratias ) successiva fondazione dell'AIN ONLUS ( Associazione Italiana per neurodisabili ) . Chi fu nella storia la prima donna ad occuparsi di disabili? Virdimura. Ci fu una grande ricerca passionale da parte mia ....Trovai gli articoli della studiosa Precopi Lombardo ed infine personalmente la Laurea della Virdimura agli Archivi di Stato di Palermo. Molto ci sarebbe da raccontare ... ma non vogliamo fare qui la storia della "Storia" . Dal 2014 il Premio Internazionale Virdimura ®, indetto dalla Società Italiana di Storia della Medicina e dall'Ain Onlus , premio approvato dal Miur, ha annoverato personalità di spicco della cultura , delle Istituzioni e delle scienze. Virdimura si occupava anche della salute delle donne, era un'ebrea catanese. Il vostro libro è meritorio . Vi aspettiamo alla prossima edizione del PremioVirdimura .
Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna