Indagato l’assessore alla Polizia Municipale, Sandro Russo

L’accusa della Procura è quella di resistenza a pubblico ufficiale

MONREALE, 4 aprile – Resistenza a pubblico ufficiale. Questa l’accusa che la Procura della Repubblica di Palermo muove all’assessore alla Polizia Municipale del Comune di Monreale, Sandro Russo, che pertanto figura adesso nel registro degli indagati.

Russo non si è ancora visto notificare materialmente il provvedimento di “avviso di conclusione indagini”, ma conferma l’esistenza dello stesso.
Al centro della vicenda, che è al vaglio del pm Francesco Del Bene, ci sarebbe una questione risalente all’ottobre del 2015 nella quale Russo, stando all’ipotesi accusatoria, avrebbe avuto un alterco telefonico, dai contorni che devono essere approfonditi, con l’ex vicecomandante del Corpo di Polizia Municipale, Mario Cusimano per una questione legata a dei controlli sul flusso veicolare lungo la SS624.
Russo, ed è questo ciò che la Procura adesso gli contesta dopo una relazione stilata dallo stesso Cusimano e trasmessa ai carabinieri di Monreale, avrebbe affermato l’intenzione di fare destituire l’ex vicecomandante, poi peraltro dimessosi dall’incarico il 2 dicembre dello stesso anno. Cusimano, da noi contattato, preferisce trincerarsi dietro un “no comment”.
Anche Russo (anch’egli contattato da Monreale News), preferisce non rilasciare dichiarazioni, se non dopo aver parlato col magistrato al quale, attraverso il proprio legale, ha chiesto di essere sentito. Probabile che il colloquio avverrà nei prossimi giorni.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna