Aci-Giurintano

Ecco perché scegliere il liceo Basile–D’Aleo

La scuola tra le prime quattordici nel palermitano

MONREALE, 18 novembre – “Da non crederci!” avrebbe detto qualche incredulo. “ Impossibile! È un falso!” qualche scettico. E invece no. È proprio tutto vero e la risposta, per qualità di informazione, non deriva di certo da fonti qualunque, ma dalla classifica stilata a livello nazionale e provinciale dai ricercatori della Fondazione Agnelli per il progetto eduscopio.it, promosso per una valutazione attenta dell’offerta formativa proposta ai nuovi studenti in cerca di una scuola che li formi correttamente in vista del proprio futuro.

Di fatto, tra i tanti dati riportati nella pagina web, oltre al voto medio della maturità degli studenti (circa 77.4) e alle loro scelte universitarie (in maggioranza indirizzo economico e umanistico e solo in fondo alla lista l’ambito sanitario) il grafico richiama l’attenzione sulla percentuale di ex alunni immatricolati nelle diverse università. Il liceo classico, piazzato all’ottavo posto nella classifica conta ben il 64 % di studenti che hanno passato i test di ammissione alle facoltà sul 77 % di media delle altre scuole dello stesso indirizzo in territorio palermitano! (Vi invitiamo, comunque, a visitare la pagina https://eduscopio.it/# per poter osservare meglio i dati riportati). Il liceo scientifico, anche se con una percentuale leggermente più bassa, si piazza comunque al nono posto.

Come nascondere l’orgoglio di ritrovarsi al fianco degli istituti per tradizione tra i più prestigiosi del territorio di Palermo? C’è molta rivendicazione, rivincita e ambizione in queste note, che testimoniano un’incommensurabile voglia di mostrare il vero valore del nostro liceo, in grado di competere dal punto di vista formativo, didattico, integrativo, tecnologico perfino con i migliori istituti privati, come il Thomas More e solo a un passo dietro il Maria Adelaide e il Vittorio Emanuele II. Basta con i soliti pregiudizi che – lo sappiamo – circolano intorno alla fama del nostro istituto. Basta con questa sproporzionata nonché assolutamente vana emigrazione verso gli altri istituti di Palermo, visti e anelati come lands of opportunities e campi fertili per un futuro rigoglioso. Con questa prova, assolutamente oggettiva, il liceo Basile–D’Aleo leva la voce perché l’eco risuoni a tutti, alunni, famiglie, docenti, i quali vorranno accettare di condividere la propria formazione, la propria professionalità e voglia di apprendere con la nostra scuola per una rivalutazione culturale di tutto il territorio monrealese non semplicemente come terra di provincia, ma dimostrando agli altri di non essere un istituto di secondo ordine.
Consapevoli che molto può ancora essere migliorato e pronti ad accettare con grande dignità questa sfida, nulla sembra più vero della celebre citazione del filosofo Aurelio Agostino: “La perfezione dell’uomo consiste proprio nello scoprire le proprie imperfezioni”.

 

 

Commenti  

#1 veronica 2017-11-18 14:17
Se non erro l'anno precedente l'istituto si piazzo' a quota più alta.
Vivendo esperienza diretta c'è molto da fare, anziché arrabattare e cercare di dare una parvenza diversa dalla realtà. Molto è da cambiare cominciando dal vertice, dove c'è molta apparenza e poca sostanza.
Citazione
#2 Mario 2017-11-21 16:52
Il liceo basile ha una grande storia di successi alle spalle. I ragazzi sono cambiati, così come i professori, ma lo spirito rimane lo stesso. Non parliamo della perfezione, perché ogni scuola ha i propri nei, la vera prova di coraggio sta nel riconoscerli, così come scritto nell'articolo..
Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna