• Prima pagina
  • Scuola
  • Altofonte, conclusa la fase della mobilità italiana del progetto Erasmus “We, the kids of the EU, believe…”

Altofonte, conclusa la fase della mobilità italiana del progetto Erasmus “We, the kids of the EU, believe…”

Nella cittadina parchitana sono arrivati docenti e studenti di Croazia, Lituania, Slovenia, Grecia e Turchia. LE FOTO

ALTOFONTE, 15 dicembre – Si è conclusa nei giorni scorsi la fase della cosiddetta mobilità italiana del progetto Erasmus che ha visto protagonisti la scuola Armaforte e i docenti e gli studenti di cinque scuole straniere della Croazia, Lituania, Slovenia, Grecia e Turchia.

Sono stati coinvolti direttamente circa 45 alunni e 25 docenti, italiani e stranieri, che hanno collaborato per la realizzazione dell’iniziativa. Sono stati sviluppati temi quali i diritti del fanciullo, la tolleranza, il rispetto delle diversità, la prevenzione della discriminazione e del pregiudizio, la crisi migratoria, il bullismo ed il cyberbullismo.
Molteplici le attività: il tour del centro storico di Altofonte e la visita al Comune, il giro di Palermo, la visita al centro d’ immigrati “Astalli”, il tour a Piana degli Albanesi, tipico esempio di integrazione culturale, ed alla Caritas di S. Cristina Gela, la partita di calcio, il festival della canzone rap, l’incontro con i rappresentanti dell’Unicef ed il flash mob.
Tutte le iniziative sono state finalizzate allo sviluppo delle competenze sociali, civili e interculturali dei nostri allievi, per un'istruzione di qualità, per la promozione dell’equità, la coesione sociale e la cittadinanza attiva.
Il progetto ha visto la partecipazione di Enti e associazioni del territorio.
“Un ringraziamento – recita una nota della scuola – ai sindaci di Altofonte, Angelina De Luca e di Piana degli Albanesi, Rosario Petta, agli assessori dei due Comuni, a adre Nino La Versa, a Giovanna Marfia della FIGC, ai rappresentanti dell’Unicef, del centro “Astalli” e della “Caritas”. E infine un caloroso ringraziamento alla professoressa Natalia Caracci, che ha guidato il gruppo dei docenti italiani, e alle famiglie dei nostri studenti che hanno accolto gli alunni stranieri con la consueta straordinaria ospitalità e generosità”.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna