Altofonte, gli “Affluenti dell’Oreto” incontrano il sindaco Angelina De Luca ed il professore Giuseppe Castellese

Le condizioni del fiume della Conca d’Oro al centro della discussione. LE FOTO

ALTOFONTE, 23 marzo – Ieri mattina gli studenti della classe 3^ A AFM dell’Istituto Enaudi – Pareto di Palermo, che hanno costituito un team chiamato “Gli Affluenti dell’Oreto”, accompagnati dalla professoressa Claudia Impresario e da Francesco Liotti, responsabile di Legambiente, sono stati ricevuti dal sindaco di Altofonte Angelina De Luca.

L’incontro, organizzato da Gianluca Raccuglia, interessa il progetto del Miur “Open Coesione” al quale partecipa il team, che nella fase “esplorando”, sta visitando i luoghi interessati dal progetto. Nell’occasione gli studenti hanno intervistato il sindaco De Luca per sapere quale è la posizione di Altofonte a riguardo la fruizione del fiume Oreto; all’incontro ha partecipato anche il professore Giuseppe Castellese studioso del fiume, impegnato da decenni: a favore del recupero dello stesso, nella salvaguardia della flora e della fauna presenti lungo il corso d’acqua, e per l’istituzione del cosiddetto Parco dell’Oreto, il sindaco e lo studioso, che negli anni scorsi ha anche ricoperto la carica di assessore comunale e vicesindaco, nel rispondere alle domande degli studenti hanno informato su possibili iter burocratici e decisioni amministrative che potrebbero creare le condizioni per il recupero del fiume, l’intervista sarà inclusa in un report che gli studenti realizzeranno giorno 27 marzo.


Il progetto “Open coesione”consente il monitoraggio civico di progetti finanziati dalla comunità europea, gli studenti, oggi ospiti ad Altofonte, accedendo al sito dei finanziamenti europei “Open Coesione” hanno scelto un progetto e ne studiano la storia amministrativa facendo il monitoraggio, su come vengono spesi i finanziamenti che lo riguardano, e sulla realizzazione dello stesso, la classe 3^ A AFM dell’Istituto Enaudi – Pareto ha scelto di monitorare il progetto riguardante l’eliminazione dello scarico fognario sul fiume Oreto di Via Decollati a Palermo che impegna un finanziamento di oltre un milione e mezzi di euro, ancora non spesi a causa di una storia amministrativa lunghissima iniziata nel 1991 in osservanza alle direttiva comunitaria sulla regolamentazione delle acque reflue in tutta Italia, ritardo che ha causato al nostro paese tre condanne. Con la delibera n° 60 Cipe si è avviata l’attività ma il progetto quasi completo si trova ancora negli uffici comunali. Il progetto “Open Coesione” ha fatto nascere la passione degli studenti a riguardo il fiume Oreto sostenuto anche nella partecipazione al concorso del Fai “I Luoghi del Cuore” nel quale si è piazzato al secondo posto. A conclusione della mattinata parchitana, prima di recarsi a Pioppo per conoscere una delle foci dell’Oreto” la classe dell’ Enaudi – Pareto, accompagnata dal sindaco De Luca e dal comandante della Polizia Municipale di Altofonte Giovanni Recupero Bruno, ha visitato la sorgente Santa Maria e la Cappella Normanna.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna