Beni confiscati: "Noi non ci arrendiamo, dacci una mano", è lo slogan anti vandalismi

Conferenza stampa del Comune e del Consorzio "Sviluppo e Legalità"

MONREALE, 20 maggio - "Noi non ci arrendiamo, dacci una mano" questo è lo slogan lanciato dall'Associazione Aurora Onlus, nel corso della conferenza stampa, organizzata dal Comune e dal Consorzio Sviluppo e Legalità.

 

L'iniziativa è servita per denunciare gli atti di vandalismo ai danni di una villa in contrada Piano dell'Occhio confiscata al boss Gaetano Sansone che due mesi fa era stata assegnata all'associazione per finalità sociali. A denunciare il grave atto intimidatorio, il vicesindaco Salvino Caputo con delega ai Beni Confiscati e il presidente del Consorzio Salvatore Graffato e del presidente dell'Associazione Aurora Onlus Ivana Calabrese, che hanno parlato dello stato dei beni confiscati e già assegnati, che molto speso vengono vandalizzati dagli stessi ex proprietari che non si rassegnano a perderli.

Questo ultimo atto intimidatorio nei confronti dell'Aurora Onlus, ha ritardato l'apertura dell'attività sociale prevista per l'inizio di giugno, che avrebbe coinvolto un gruppo di ragazzi disabili ed i loro genitori in una serie di attività ludico-ricreative. "Negli ultimi mesi molti beni confiscati alla mafia, che erano stati assegnati a cooperative sociali e imprenditoriali – ha dichiarato Caputo- dal Comune, sono stati presi di mira e danneggiati. Ma il nostro impegno sarà sempre piu' forte e determinato.

Chiediamo solo che arrivino al piu' presto i finanziamenti da parte dello Stato per recuperare il vasto patrimonio e chiederò anche un sistema di videosorveglianza per la tutela di questi siti". Gli fa eco il presidente Graffato, il quale afferma che i sindaci sono sempre piu' schierati in prima linea nella difesa della legalità nel territorio, per rispettare la memoria di tutte le vittime di mafia". "Noi non abbiamo paura – ha aggiunto il presidente dell'associazione Aurora Onlus Ivana Calabrese- nonostante alcuni individui si siano presentati con arroganza a chiedere le chiavi del bene a nome dei Sansone, gli ex proprietari ai quali era stato sottratto il bene".

Alla Associazione Aurora Onlus esprime solidarietà il sindaco Filippo Di Matteo.

 

Nella foto, da sinistra: il presidente dell'associazione Aurora Onlus, Ivana Calabrese, il presidente del Consorzio SViluppo e Legalità, Salvo Graffato, il vicesindaco di Monreale, Salvino Caputo ed il comandante della Polizia Municipale, Antonino Grippi

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna