Monreale, i carabinieri confiscano beni per 1,5 milioni di euro a Giuseppe Caramazza

E' considerato il fidato collaboratore del defunto boss Giuseppe Balsano

MONREALE, 21 luglio – I Carabinieri del Gruppo di Monreale hanno dato esecuzione al decreto di confisca di beni, emesso dal Tribunale di Palermo - Sezione I Penale Misure di Prevenzione, ed in ultimo confermato dalla Corte di Cassazione, nei confronti di Giuseppe Caramazza, considerato fidato collaboratore e fiduciario del vertice della famiglia mafiosa di Monreale.

Tranciavano cavi elettrici a San Martino, arrestati due monrealesi

Fingevano di fare jogging per non dare nell’occhio

MONREALE, 20 luglio - I carabinieri della Compagnia di Monreale hanno tratto in arresto Osvaldo Lo Bianco, trentaduenne, e T. G. B., ventinovenne, entrambi monrealesi. I due sono stati sorpresi nel primo pomeriggio di martedì in via Regione Siciliana, quasi a ridosso della frazione di San Martino delle Scale, mentre rubavano 10 metri di cavi elettrici in rame dopo averli tranciati con una cesoia da alcuni pozzetti di derivazione posti alla base dei lampioni dell’illuminazione pubblica.

Colpo al patrimonio di Totò Riina: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro

Si trovano fra le province di Palermo e Trapani

PALERMO, 19 luglio - Dalle prime ore odierne i carabinieri del Ros coadiuvati da quelli del Comando Provinciale di Palermo e Trapani, stanno dando esecuzione ad un decreto di sequestro beni emesso dal Tribunale – sezione misure di prevenzione - di Palermo su proposta della Procura della Repubblica di Palermo nei confronti del capo di cosa nostra, Salvatore Riina, e del suo nucleo familiare per un valore complessivo di circa 1,5 milioni di euro.

I carabinieri confiscano beni per circa 300 milioni di euro agli eredi di Salvatore Buttitta

Era chiamato “il re delle cave”. Più di 2.300 le particelle catastali interessate

MONREALE, 7 luglio – I carabinieri del Gruppo di Monreale hanno dato esecuzione al decreto di confisca di beni, emesso dal Tribunale di Palermo - Sezione I Penale Misure di Prevenzione, nei confronti degli eredi di Salvatore Buttitta, definito “Il re delle cave” di Bagheria, deceduto il 12 agosto del 2008.

I carabinieri sequestrano per la seconda volta titoli e rapporti bancari intestati alla società “Giaconia srl”

L’azienda madonita vanta 38 punti vendita e circa 400 dipendenti

MONREALE, 6 luglio – I carabinieri del Gruppo di Monreale hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo, emesso dal Gip presso il Tribunale di Termini Imerese, Michele Guarnotta, nei confronti della “Giaconia srl”, azienda madonita operante nel settore della grande distribuzione organizzata, con sede a Petralia Sottana, che vanta numerosi supermercati nella Sicilia occidentale, sotto la propria insegna ed in affiliazione a grandi gruppi come Conad, Conadcity, Margherita, Mstore, Siperstore, Todis, Bimbostore e Toys-Bimbostore, per un totale di 38 punti vendita e circa 400 dipendenti.

Era stata accusata di aver rubato energia, adesso è stata assolta

A pronunciarsi in favore di Rosa Ingrassia il piemme Nicola Aiello

MONREALE, 3 giugno – Tre anni fa era stata accusata di aver manomesso il contatore di casa sua per rubare energia elettrica. Adesso, invece, dopo una lunga vicenda giudiziaria, è stata assolta con formula piena per non avere commesso il fatto. È la vince dalla signora Rosa Ingrassia, residente in Via Strada Vicinale S. Martino, a Monreale.

La droga partiva dalla Kalsa e arrivava in provincia: smantellata una vasta organizzazione criminale

13 persone in manette dopo l’operazione congiunta di Polizia e Carabinieri

PALERMO, 30 maggio – E’ stata condotta dalle prime luci dell’alba una vasta operazione antidroga da parte della Polizia di Stato e dei Carabinieri, nel corso della quale sono state arrestate complessivamente 13 persone, in esecuzione di un’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal Gip presso il Tribunale di Palermo, per il reato di traffico di sostanze stupefacenti.

Un imprenditore denuncia, smantellata la cosca del pizzo ad Altofonte

Quattro gli ordini di custodia cautelare emessi dalla Procura di Palermo. LE FOTO e IL VIDEO

ALTOFONTE, 22 maggio – Martedì scorso, i carabinieri del Gruppo di Monreale hanno dato esecuzione al fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, nei confronti di Salvatore Raccuglia, indagato in ordine ai reati di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata dall’utilizzo del metodo mafioso ai danni di un imprenditore di Altofonte.

Indagini sul cimitero, la Procura ordina il dissequestro di una tomba gentilizia

Emesso un provvedimento di restituzione in favore di M.S.

MONREALE, 7 giugno – Questa mattina i Carabinieri di Monreale su ordine della Procura della Repubblica di Palermo hanno disposto il dissequestro e la restituzione in favore di M.S. della cappella gentilizia che nello scorso mese di novembre era stata sequestrata nel contesto di un procedimento penale per presunti abusi commessi dai proprietari delle tombe gentilizie.

Mancato versamento dell’Iva, i carabinieri di Monreale sequestrano la Giaconia srl

Le indagini sono condotte dalla Procura di Termini Imerese

MONREALE, 1 giugno - Nella mattinata odierna, i carabinieri del Gruppo di Monreale hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo, emesso dal Gip presso il Tribunale di Termini Imerese, Michele Guarnotta, nei confronti della “Giaconia srl”, azienda madonita operante nel settore della Grande Distribuzione Organizzata, con sede a Petralia Sottana, che vanta numerosi supermercati nella Sicilia occidentale, operanti sotto la propria insegna e in affiliazione a grandi gruppi come Conad, Conadcity, Margherita, Mstore, Superstore, Todis, Bimbostore e Toys-Bimbostore, per un totale di 38 punti vendita e circa 400 dipendenti.

Rapinano un anziano, in manette due monrealesi

La Polizia li ha bloccati a Palermo, in via Manzoni

PALERMO, 17 maggio – La Polizia di Stato ha tratto in arresto, nella flagranza del reato di rapina aggravata, due monrealesi, volti noti alle forse dell’ordine, Francesco Abbate di 58 anni e Michele Lo Medico, di 45. Risiedono tra Monreale e San Martino delle Scale.