Arrestato dai carabinieri operaio dell’ATO PA2

Giuseppe Zimmardi, 41 anni, sorpreso a rubare gasolio dal mezzo di raccolta rifiuti

MONREALE 21 novembre - Il dipendente dell'Ato PA2, Giuseppe Zimmardi, è stato tratto in arresto dai Carabinieri di Monreale nel pomeriggio di martedì 19 novembre, sorpreso a rubare gasolio da un autocompattatore della società "A.T.O. PA 2".

Ad incastrare il presunto ladro è stata la fattiva collaborazione dei militari dell'Arma di Piana degli Albanesi e Santa Cristina Gela che, durante un servizio coordinato, volto alla prevenzione e repressione di reati di natura predatoria, nel percorrere via Ponte Parco in Monreale, accertavano la sospetta ed inusuale presenza di una persona.

Il presunto ladro, aveva pianificato ogni singolo momento della sua azione delittuosa, fasi che i carabinieri sono riusciti a ricostruire: infatti, dopo essersi appostati in quella via, notavano che Zimmardi, dopo aver parcheggiato l'autocompattatore in maniera tale da creare un varco di circa tre metri con un altro autocompattatore fermo in sosta in quell'area, prendeva la sua macchina e si affiancava all'automezzo, entrando nel "tunnel" che aveva appositamente lasciato libero.

Utilizzando poi un trapano a pompa aspirante sottraeva circa trenta litri di gasolio dal serbatoio dell'autocompattatore che aveva condotto fino a poco prima, lo versava in una tanica rossa che posizionava successivamente, insieme al trapano, nel bagagliaio della propria autovettura. Accertato il modus operandi , i militari decidevano di intervenire tempestivamente, riuscendo a fermare il dipendente con l'ausilio di una pattuglia del Nucleo Radiomobile.

Nel corso delle perquisizioni, all'interno dell'autovettura, è stata rinvenuta una tanica in plastica piena di gasolio ed un trapano modificato artigianalmente per consentire l'aspirazione carburante. Dopo le formalità di rito l'arrestato è stato condotto presso la propria abitazione in attesa della citazione diretta a giudizio, che si è svolta nella giornata di ieri e durante la quale, oltre a vedersi convalidare l'arresto, il dipendente della società Ato ha riconosciuto le sue responsabilità patteggiando una condanna alla pena di 4 mesi di reclusione e 120 euro di multa, pena sospesa e, pertanto, rimesso in libertà.

Quest'ultimo, è il terzo arresto eseguito nel corso del 2013 dai Carabinieri di Monreale, per la stessa tipologia di reato. In altre precedenti occasioni, infatti, avevano sorpreso altri due dipendenti dell'Ato, a trafugare gasolio dagli autocompattatori a discapito di ignari ed onesti contribuenti che, a Monreale e comuni limitrofi, pagano i dovuti tributi alle amministrazioni locali.

 

 

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna