Rifiuti: stop al conferimento a Bellolampo, si prospetta una nuova emergenza

Il sindaco Capizzi invita ai cittadini a non conferire, in attesa che la discarica riapra i cancelli

MONREALE, 2 dicembre – Scade l’ordinanza della Regione che consentiva il conferimento dei rifiuti nella discarica di Bellolampo e per una quarantina di Comuni, Monreale compreso, si prospetta il rischio di una nuova emergenza.

Da mercoledì 30 novembre, infatti, è scaduto il provvedimento regionale grazie al quale diversi comuni smaltivano i loro rifiuti a Bellolampo, con il risultato che la macchina burocratica ha dovuto registrare un improvviso stop. Ieri, a tarda sera, il dipartimento regionale per i Rifiuti e le Acque ha emanato una nuova ordinanza, ma le difficoltà burocratiche ne hanno impedito il perfezionamento, con il risultato che la Rap, che gestisce la discarica di Bellolampo, ha vietato l’ingresso dei mezzi provenienti dai comuni che vi conferivano, bloccando di fatto la possibilità di proseguire la raccolta. Il Comune di Monreale si è trovato, quindi, con sei mezzi pieni senza che questi potessero smaltire il loro contenuto. All’incirca 60 tonnellate da scaricare che invece, sono ancora sui mezzi. L’inconveniente, non di poco conto, con ogni probabilità potrà rallentare parecchio il servizio di raccolta. Da qui, pertanto, il rischio emergenza.

“Invito i cittadini a non conferire oggi e domani – afferma il sindaco Piero Capizzi a Monreale News – sperando che nel frattempo si risolvano le problematiche tra il dipartimento della Regione e la Rap, che non riguardano il Comune di Monreale e che, di fatto, stanno bloccando tutto il servizio di smaltimento. Purtroppo, per motivi che non dipendono da noi, siamo costretti a vivere questo stato di emergenza. Se la situazione non dovesse sbloccarsi, non escludo di rivolgermi al prefetto per scongiurare rischi igienico-sanitari”.

 

 

Commenti  

#1 Nino 2016-12-02 17:30
Dovrebbero fare una legge che se il "burocrate" crea disservizi alla Comunità (come specificato in questo articolo), questi deve essere mandato in strada a pulire.
Ci sono burocrati che manco sanno qual'è la loro mano destra e diriggono.
Faccio un'appello ai miei concittadini: per quanto possibile evitiamo di conferire rifiuti per strada.
GLI INCIVILI SONO LORO, NON NOI.
Grazie
Citazione
#2 roby 2016-12-02 21:29
Certo caro sindaco ci teniamo la monnezza dentro casa o fuori casa come si usa in questo paese e in mezza Italia. E invece perché non si bloccano le rate della monnezza dato che ci sono queste situzioni e non funziona niente come da secoli. nooo ma che centra i soldi ve li dovete fottere le scadenze sono scadenze se poi uno sta sotto casa con 10 m cubi di monnezza questo si e lecito .e povera Italia di pecore.
Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna