Studio Radiologico Gargano

La sfilata di D&G e i voltagabbana del morto che vuole afferrare il vivo

Riceviamo e pubblichiamo...

MONREALE, 9 luglio – Da anni, chi più chi meno, di Monreale ha detto o sentito dire"chi schifiu, è un paese morto", ma anche, "a Monreale non si fa mai niente" o "purtroppo Monreale è una città dormitorio" ed altre affermazioni vere quanto amare.

Oggi, tuttavia, dinanzi ad un evento di caratura internazionale, che fa parlare della nostra città in tutto il mondo ed in maniera esclusivamente molto positiva, si sentono campane (spesso le stesse delle lamentele di prima) che suonano a morto, quasi ci fosse il funerale della città. Quel suono cupo e mesto, per fortuna di una esigua minoranza, rattrista parecchio. Verrebbe voglia di mandare costoro altrove, in un altro paese. Anzi, forse meglio direttamente "a quel paese". Poi, più costruttivamente, ci si interroga dubbiosi su cosa sia più utile: fare o non fare? Continuare a fare o smettere di fare dinanzi alle critiche spesso ingenerose che fan cader le braccia e magari non solo quelle. Ai critici per abitudine, quelli che si lamentano di tutto "a prescindere" e subito dopo riescono ad affermare perfino l'esatto contrario, auguro di trovare il tempo di mettere in discussione se stessi. Sarebbe un'esperienza formativa sul piano personale e, in prospettiva, di crescita per la città tutta.

Mi ha colpito una ragazzina sedicenne che bollava certi comportamenti sfascisti e disfattisti "tipici dei morti dentro, che tentano di ritrarre nella fossa quanto di vivo si manifesta intorno a loro". Non ha torto. Ed io la penso come lei! Certo, si possono commettere errori e senz'altro ne saranno stati commessi. Ma gli errori, veri o presunti, non sono mai una giustificazione per non fare nulla e lasciare incancrenire la realtà. Una critica bizzarra che si è sentita in giro in questi giorni è la seguente: "hanno svenduto la città per dodicimila euro espropriando i cittadini delle loro piazze". Ora, a parte il fatto che ad ogni città, ed anche alla nostra, si chiede sempre di investire in eventi, anche minimi e minuscoli pur di animare qualche serata e rendere meno monotone e deserte almeno le piazze principali, è mai possibile che, quando si realizza un evento straordinario, sia pur grazie alla scelta di due stilisti tra i più importanti al mondo, ci sia chi si concentra su come scucire qualche euro in più ai benefattori di turno? Mi domando: il sindaco, dinanzi alla proposta
dei due stilisti, dopo la certezza di non essere su Scherzi a Parte, cosa avrebbe dovuto fare? Mendicare qualche intervento di manutenzione in più o una ulteriore manciata di denari per tappare la bocca alle critiche di chi a tutto dà un valore pecuniario? Avrebbe dovuto tirare la corda col rischio di spezzarla e di dare di Monreale e dei monrealesi l'immagine degli accattoni? Se poi la corda si fosse spezzata per davvero, gli stessi geni della lampada, di fronte ai brandelli di liuta, c'è da giurare che con nonchalance avrebbero
detto: "Per un evento del genere bisognava concedere gratis le piazze. Altro che farsi sfuggire un'occasione del genere"!

Insomma, robe da manicomio. Da voltagabbana del buon gusto e del buonsenso che fanno venire il voltastomaco! Mi chiedo se questo stucchevole interrogativo se lo siano mai posto, più di mezzo secolo fa, i nostri padri e nonni in occasione di "Campanile Sera". Certo, ci sarà pur stato qualche nostalgico del ventennio, che avrà magari detto: "Ah se ci fosse stato lui. Avremmo potuto avere qualche 50 mila lire in più. Ed essendoci la Rai di mezzo, avremmo avuto tutti, dal vivo, un posto in prima fila, senza per giunta esser abbonati! Giovambattista Vico avrebbe detto: corsi e ricorsi della storia! Altresì, non possono esser certo le sedie della platea negate al "popolo" e riservatissime per le star, testimonial e clienti provenienti da ogni parte del mondo, a condizionare l'obiettività del giudizio.
Il presunto ed illusorio mancato invito a qualcuno, del quale non c'era obbligo, né diritto alcuno, non può essere il metro della critica di demolizione di un evento che è stato importantissimo, che ha fatto molto bene alla nostra Monreale e che resterà a lungo orgogliosamente nel libro d'oro della sua storia.

Credo che la presenza del solo sindaco, in veste istituzionale, sia stata sufficiente a rappresentare il senso di ospitalità di Monreale e della Sicilia tutta. Se poi ci sarà stato qualche imbucato senza titolo, andrebbe catalogato tra le miserie umane tipiche anche degli uomini di potere o dello Star System che lasciano qualche macchia e ruggine ma sarebbe folle pensare che pregiudichino l'impalcatura ed il valore complessivo di ogni evento. Spenti i riflettori e smontate le scenografie da favola, servirebbe porsi nuovi ambiziosi obiettivi. Bisognerebbe che imparassimo ad essere orgogliosi e fieri, piuttosto che malamente gelosi, della nostra città. Dovremmo pianificare e costruire tanti altri eventi e augurarci tutti che i visitatori si moltiplichino, trovando l'opportunità ed il piacere di soggiornare ed apprezzare ogni aspetto caratteristico di Monreale. Per il resto e per fortuna, a prescindere da ogni nostro giudizio, Monreale col suo splendore sarà nel mondo una città da copertina, capace di far sognare attraverso le vetrine d'alta moda e di quelle mediatiche. Finalmente la nostra città incomincia ad esser davvero ed in concreto Patrimonio dell'Umanità. E Dio solo sa quanto ciò sia importante. Dunque, evitiamo di sprecare la fortuna, anche quando ci piove dal
cielo. Anzi, facciamone tesoro. Proprio come fece il nostro re Guglielmo!

 * componente della direzione regionale del PD

Commenti  

#1 PinoG 2017-07-09 18:50
Come commentatore prima e cittadino del mondo...
Non condivido quanto scritto e letto (con attenzione)
che per la verità mi sembrano veri e propri contenuti , da campagna elettorale, quanto meno dis' informazione al cittadino)...
Rivolgendomi all'Autore rispettosamente:
Ma Lei Conosce altre Città Italiane e Europei é sopratutto la realtà della città Monreale ???...
LEGGENDO ICONTENUTI DEL SUO SCRITTO: (A mio avviso e privilegiando la sintesi)
Vorrebbero far credere che Monreale,geogra ficamente essere una Città, conclave in territorio Svizzero!
Citazione
#2 cittadino 2017-07-10 00:18
Ma perché a bocce chiuse Lei e l'altro Russo vi affannate tanto a dire la vostra ed a scanso di equivoci viene messo in risalto che siete rispettivamente componenti dei direttivi provinciale e regionale del PD? Non potevate fare il vostro commento da semplici cittadini?
Citazione
#3 PinoG 2017-07-10 07:50
Gentile #2
Potrebbe specificare "Lei"a chi genericamente si riferisce, nel suo commento ? (propio a scanso di equivoci)
Citazione
#4 Salvatore Macaluso 2017-07-10 09:04
Stando a quanto scritto dall'amico Tonino Russo, io sono tra coloro che si lamentano che Monreale è un paese "morto" e poi quando accade qualcosa si lamentano "schifiandosi". Mi domando e domando: i 400 ospiti arrivati blindati e scortati cosa hanno visto di Monreale a parte la Cattedrale? Per le attività economiche della Città (bar, ristoranti, pizzerie, negozi) quale è stato il riscontro? L'evento di D&G tanto pubblicizzato, quale eco ha avuto nei Tg nazionali? Ora altro era Campanile Sera che fu una trasmissione che coinvolgendo le Città e i Paesi voleva far conoscere le bellezze d'Italia attraverso la TV; altro è una sfilata di moda blindata dalla quale chi ci guadagnerà saranno solo D&G. Ho scritto che dopo le sperticate lodi alla manifestazione e all'amministraz ione comunale che ha avallato l'iniziativa, dovremmo chiamare l'esercito per bloccare le frotte di turisti che arriveranno; che i B&B, gli alberghi e le case vacanze di Monreale scoppieranno di ospiti; che l'artigianato locale, tanto rappresentato negli abiti di D&G non riuscirà a far fronte a tutte le richieste e che i giovani di Monreale, proprio in virtù di questo boom di immagine e al ritorno socio-economico troveranno lavoro, anche se per adesso solo stagionale. Chiaramente niente di questo avverrà e Monreale continuerà come al solito ad essere metà di un mordi e fuggi che non lascia nulla se non solo immondizia da smaltire. Mi fermo qui, sebbene di critiche ne avrei tante ... Gettare un po' di fumo negli occhi dei monrealesi, ad inizio campagna elettorale non credo che serva. Salvatore Macaluso
Citazione
#5 Rocky 2017-07-10 10:58
Devo dire che l'evento di Dolce & Gabbana e stato una buona cosa per Monreale e spero tanto che di questi eventi ce ne siano piu spesso per mettere in risalto il paese e non essere un paese morto come dicono in tanti ma vorrei tanto che questo paese e come tutta la Sicilia diventi un luogo civile avere strade pulite, cominciare a fare una vera raccolta differenziata dei rifiuti come si fa nel resto dell'Italia e fare raccolta porta per porta ed eliminare cosi i cassonetti mettere telecamere per individuare gli incivili che degradono e sporcano il paese, mettere in ordine e sicurezza le strade molte dei quali fanno pena piene di buche, installare semafori nei punti dove sono necessari, fare una zona industriale dove si potrebbero concentrare tutti i venditori ambulanti, insomma se vogliamo che Monreale faccia una bella figura all'estero e cosi che diventi una meta turistica di serie A bisogna lavorare per rendere il paese pulito e la gente piu disciplinata come in Toscana e Umbria , se qualcuno pensa che essere siciliani significa essere malandrini o indifferenti o strafottenti allora rimaniamo sempre cittadini di serie C spero che la nuova generazione sia migliore e piu civile.
Citazione
#6 Miguelangel 2017-07-11 21:40
Tonino russo ... pensi alla salute lasci stare la politica di Monreale bensì penserei a stare informa non a senso fare sangue amaro o abili che destabilizzano la tiroide o fanno venire una gastrite ......
Citazione
#7 Miguelangel 2017-07-11 23:35
Signor Pino il suo isterismo estremo è assurdo , L'egocentrismo che regna in lei nn si comprende..... chiunque può esternare ciò che vuole e nn deve replicare a lei nessun concetto per questo esiste un moderatore del sito per ogni cosa ....... è chiaro o risulta difficile il comprendere L uso della tecnologia ...
Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna