Aci-Giurintano

Decadenza di sindaci e giunte per la mancata approvazione dei bilanci: l’offensiva di AnciSicilia

L'ente chiederà la modifica o l'impugnativa delle norme incostituzionali

PALERMO, 18 aprile – "Faremo una impugnativa dei decreti di decadenza come AnciSicilia anche ad adiuvandum a quelle dei 7 sindaci decaduti e in contemporanea chiederemo un incontro urgente al presidente dell'Ars invitando tutte le forze politiche, entro il 30 di aprile, a modificare gli articoli che prevedono la costituzionalmente illegittima decadenza di sindaci e consigli con una inammissibile sfiducia con maggioranza diversa da quella ordinariamente prevista per tale istituto.

Queste le parole di Leoluca Orlando, presidente di Anci Sicilia al partecipatissimo Consiglio regionale dell'AnciSicilia di stamattina allargato a tutti i sindaci dell'Isola per valutare ogni possibile iniziativa legale contro la decadenza di sindaci e giunte per mancata approvazione dei bilanci nei termini di legge (come stabilisce l'articolo. 2 l. r. 29 marzo 2017 n. 6). In mancanza di concrete risposte l'assemblea dei sindaci, presente oggi Palermo, ha previsto di auto convocarsi, per il prossimo 26 aprile davanti all'Assemblea Regionale Siciliana.

“Chiederemo – ha detto ancora Orlando – un incontro urgente al Ministro Costa per sollecitare la impugnativa governativa delle norme regionali e un incontro al Commissario dello Stato chiedendo lo scioglimento dell'Ars per ormai persistente e acclarata violazione dello Statuto e della Costituzione.
“La Regione siciliana - ha aggiunto Mario Emanuele Alvano, segretario generale di AnciSicilia– con la stessa mano con cui impedisce di fare i bilanci ai Comuni punisce i sindaci e ci fa tornare alla instabilità della situazione politica e amministrativa pre 1992 quando era il Consiglio comunale e non i cittadini ad eleggere il sindaco. L’AnciSicilia – conclude Alvano – assicurerà il proprio sostegno ai comuni che presenteranno ricorso coinvolgendo anche i comuni non direttamente interessati in una battaglia comune contro lo stravolgimento delle scelte democratiche dei cittadini".

"Si tratta di una legge che porta allo scontro fra il consiglio e il sindaco con la sua giunta. -Dichiara Giulio Tantillo, vice presidente Anci Sicilia - Bisogna trovare una strada che eviti la spaccatura fra consiglieri comunali e sindaci".
"Questa è la goccia che fa traboccare il vaso. -Dichiara Palo Amenta, vice presidente di AnciSicilia - Non abbiamo il decreto di riparto dei trasferimenti regionali per gli enti locali. Non esiste nessun impegno di spesa per investimenti e a causa di una legge incomprensibilmente retroattiva veniamo dichiarati decaduti se non approviamo il bilancio entro i termini. Adesso è opportuno che si apra la stagione della verità in quanto l'intero sistema delle autonomie locali è fuori controllo. - conclude Amenta - Il sindaco eletto democraticamente dai cittadini non ha più il controllo dell'intero sistema degli enti locali perché non è, più in grado di amministrare e di produrre documenti contabili certificati e veritieri".
"Bisogna affrontare l'emergenza guardando al futuro dichiara Salvo Lo Biundo, vice presidente di AnciSicilia - consegnando ai futuri candidati alla Regione siciliana un documento che contenga tutte le criticità e le soluzioni utili a salvaguardia dei territori soprattutto in futuro".

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna