Quanti applausi per il G8 messo in scena dai bambini della Morvillo

Da Trump a Putin, alla Merkel: i personaggi scelti per la recita di Natale

MONREALE, 21 dicembre – La politica riscopre il suo volto migliore a Monreale, con i bambini della IV A dell’istituto Morvillo. Grazie alla regia della maestra Antonella Lo Presti, cooptata dalle altre insegnanti, Ina Carrozza e Cetti Mammina, gli alunni hanno messo in scena un G8, allargato, sotto l’egida del Padreterno, della Vergine Maria e di San Giuseppe, nell’inedita cornice della cattedrale di Monreale, dove il Pantocratore trova già, nella realtà, il suo posto d’onore.

Materia del contendere un nuovo luogo di nascita per Gesù, alternativo a Betlemme. Presenti tutti i grandi della Terra, con relativi coniugi: da Trump a Putin, da Angela Merkel a Berlusconi e Renzi, fino ai primi ministri di Giappone e Cina, financo il Papa. L’ingresso in scena dei vari personaggi è stato accompagnato dal relativo inno nazionale. Figure inedite, Nello Musumeci e il sindaco Piero Capizzi che, dopo avere incassato la sede del G8 all’interno del duomo, hanno tentato di perorare la candidatura di Monreale ad accogliere il Messia. Molto rumore per nulla, perché, infine, Gesù stesso ha scelto di rimanere a Betlemme.
Fra battute esilaranti, sfilate di capi di Stato, riflessioni di geopolitica, i bambini, alcuni dei quali alle prese con raffreddore e febbre, hanno mostrato grande serietà nell’interpretare i ruoli e senso del dovere, fornendo forse una lezione a chi alla politica si dedica per mestiere.

Un’intuizione interessante della maestra Lo Presti, autrice del testo recitato, che ha saputo offrire una chiave di lettura inedita e stimolante del Natale. Un’attività proficua anche dal punto di vista didattico, poiché i bambini hanno imparato i nomi dei più importanti capi di Stato e riflettuto su distorsioni e plateali errori della politica estera planetaria. Contenti e orgogliosi i genitori, presente anche il sindaco Piero Capizzi che ha ritrovato sul palco, al G8 allargato, il suo alter ego.

“Sono rimasto impressionato – ha detto Capizzi –dalla dedizione con cui i bambini hanno recitato il loro ruolo; un vero e proprio successo, frutto evidente di grande impegno da parte loro e delle maestre. Un orgoglio per me e una speranza per il futuro della nostra collettività”.
“Il progetto – ha spiegato la docente Antonella – nasce su imput stesso dei bambini che, dopo avere studiato la Costituzione e le leggi italiane, hanno cominciato a porre domande sugli altri paesi. Abbiamo voluto rispondere in modo ironico alla loro legittima curiosità di saperne di più sul mondo che li circonda, tipizzando i personaggi, le loro abitudini e inflessioni linguistiche. Un ringraziamento particolare ai genitori che hanno interamente collaborato con i costumi e i trucchi e senza i quali la recita non avrebbe potuto avere luogo”

 

Commenti  

#1 Maria Grazia Scognamiglio 2017-12-21 15:05
Complimenti alle insegnanti del Morvillo e all'autrice del testo, veramente geniale.
Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna