Reality (2012)

Luciano (Aniello Arena) è un pescivendolo napoletano che sogna di entrare nel mondo dello spettacolo. Stanco di una vita tutto sommato modesta e dovendo soddisfare le esigenze di moglie (Loredana Simioli) e due figli, tenta la strada che porta verso il primo e più grande reality della televisione moderna: Il Grande Fratello. Riesce a svolgere un provino in un centro commerciale, grazie all'intermediazione di Enzo (Raffaele Ferrante) un ex partecipante dello show, divenuto ormai una "star" onnipresente sia in feste private che nelle serate in disco.

Grazie al provino, Luciano viene notato e convocato per una seconda audizione, stavolta a Roma. Giunto a Cinecittà, con famiglia al seguito, inizia a respirare una forte atmosfera da show televisivo che, inevitabilmente, finisce per inebriarlo. Si convince così di avere condotto egregiamente il provino e di avere colpito più che favorevolmente lo staff del GF che, a questo punto (secondo lui) non potrà fare a meno di reclutarlo per il programma, il cui inizio è ormai imminente.

Rientrato a Napoli, Luciano viene accolto come una star. La sua versione dei fatti convince tutti che la sua partecipazione allo show televisivo ormai è cosa fatta. Purtroppo, però, la tanto attesa telefonata da Mediaset non arriva. I giorni passano e la situazione non cambia. Il povero Luciano, che ormai viveva in un mondo parallelo e pregustava il suo ingresso nello star-system, inizia a mostrare preoccupanti segni di squilibrio. Si convince, tra l'altro, di essere seguito da spie dell'emittente, mandate a studiarne le abitudini quotidiane.

Reality è un piccolo gioiello di film. Uno di quelli che ti riconciliano con la settima arte e regalano rassicuranti spiragli di speranza al nostro cinema che, almeno in alcuni autori chiave, mantiene una certa continuità di risultati. La regia del bravissimo Matteo Garrone, sicura e essenziale, non tradisce lo stile già apprezzato nei suoi lavori precedenti (Gomorra e Primo amore tanto per citare i più famosi) e non si lascia tentare dal tema trattato, che avrebbe potuto suggerire una messinscena più frammentata e sincopata, più vicina insomma al mondo del reality preso a oggetto. Invece no. La macchina da presa si muove lenta e si sofferma quanto serve sui volti (straordinario quello di Nando Paone) dei partecipanti a questa commedia che vira nel dramma, in un lento e inesorabile declino che sfiora il tragico. 

Come in Gomorra, Garrone scruta e analizza personaggi di bassa estrazione, alle prese con una realtà che li fagocita impietosamente: lì era la camorra, stavolta invece siamo alle prese con la macchina dello spettacolo. Luciano è il soggetto ideale per divenire un semplice "tassello" dell'ingranaggio, ma la sua situazione è addirittura peggiore di tutti coloro che dalla macchina vengono veramente fagocitati. Questi almeno rimediano i classici "cinque minuti di notorietà"; per lui invece è diverso: pur aspirando a entrare in quel mondo ne resta drammaticamente ai margini e a farne le spese, a parte il proprio equilibrio mentale, sono amici e familiari, sempre più disperati e impotenti, alle prese con una situazione per certi versi surreale ma anche drammaticamente concreta. 

Ritengo Reality una delle più compiute (e raffinate) riflessioni sul fenomeno dei format televisivi che hanno segnato un'epoca e stimolato un'infinità di discussioni. Il film di Garrone ha il merito di non lasciarsi imbrigliare da nessuna teoria già codificata, tentando (con successo) la strada del ritratto di una psicologia semplice semplice e, proprio per questo, vittima sacrificale ideale del MOSTRO TELEVISIVO.

GIUDIZIO: 8/10

Gallery

{yoogallery src=[/images/stories/cinema/reality/galleria] width=[127] height=[90] style=[lightbox] effect=[fade] spotlight=[0] prefix=[thumb120_] thumb_cache_dir=[thumbs127] thumb_cache_time=[1] load_lightbox=[1] thumb=[rounded] rel=[lightbox[mygallery]] load_lightbox=[1] resize=[1] order=[asc] count=[10]}

Trailer

Tutte le immagini e i video proposti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email, saranno immediatamente rimossi.


Dati
Titolo originale: Reality
Paese: Italia, Francia
Anno: 2012
Durata: 115 min/colore
Genere: commedia, drammatico

Cast tecnico
Regia: Matteo Garrone
Soggetto: Matteo Garrone, Massimo Gaudioso
Sceneggiatura: Matteo Garrone, Massimo Gaudioso, Maurizio Braucci, Ugo Chiti
Produttore: Domenico Procacci, Matteo Garrone, Jean Labadie
Casa di produzione: Fandango
Distribuzione (Italia): 01 Distribution
Fotografia: Marco Onorato
Montaggio: Marco Spoletini
Musiche: Alexandre Desplat

Interpreti e personaggi
Aniello Arena: Luciano
Loredana Simioli: Maria
Nando Paone: Michele
Enzo: Raffaele Ferrante
Graziella Marina: mamma di Luciano
Aniello Iorio: Massimone

Premi
Festival di Cannes 2012: Grand Prix Speciale della Giuria

Data uscita in Italia: 27 settembre 2012
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna