Invertire il senso di marcia in via Antonio Veneziano, ecco qual è la mia idea per traffico monrealese

Marco Intravaia

Parla Marco Intravaia che propone delle sostanziali modifiche alla circolazione stradale cittadina

MONREALE, 6 settembre – Il problema è atavico e mai ha potuto trovare una soluzione valida e soprattutto duratura. Anche perché, forse, nessuna amministrazione comunale, se si esclude l’inizio della gestione Gullo, quando l’assessore al traffico era Roberto Gambino, ha mai deciso di affrontare la problematica in maniera radicale. Adesso, però, arriva la proposta di Marco Intravaia, assessore alla Polizia Municipale durante l’amministrazione Di Matteo ed oggi consigliere comunale.

La sua idea è quella di rivoluzionare il traffico cittadino, per andare in direzione di una più ampia ed efficace pedonalizzazione dell’area del centro storico, così come avviene in numerosi centri italiani a vocazione turistica.
“Il mio progetto – spiega Intravaia a Monreale News – prevede di invertire il senso di marcia in via Antonio Veneziano, consentendo quindi alle macchine di percorrere la via Archimede, quindi piazza Canale e via Antonio Veneziano, fino all’Arancio. Da lì percorrerebbero il tratto di via Roma, in direzione piazza Vittorio Emanuele, seguendo una mono corsia per poi dirigersi o verso via Umberto I per andare alla Carrubella o in via Antonio Veneziano per attraversare il quartiere Pozzillo (fino al cosiddetto “ferro”, ndr) o per uscire dal paese, scendendo da via Palermo, che attualmente invece, si percorre in salita.
Le macchine che provengono da Palermo, inoltre – prosegue Marco Intravaia – percorrerebbero la via Benedetto D’Acquisto (dalla quale oggi si scende, ndr) con l’obbligo di svolta a sinistra per via Arcivescovado, con questa strada che diventerebbe a senso unico di marcia e che garantirebbe la possibilità di accedere all’altra parte della città, attraverso via Cappuccini e quindi via Biagio Giordano”.
Questo piano, nella valutazione di Intravaia, comprenderebbe anche la viabilità del quartiere Carmine, dove ai residenti di via Kennedy verrebbe concesso il doppio senso per entrare in via Archimede oppure usare l’uscita con senso unico obbligatorio di via Soldano.
“Inoltrerò la mia proposta a questa amministrazione – conclude Marco Intravaia – non è necessario che la delibera passi dal Consiglio comunale. Il piano potrebbe essere attuato eventualmente prima in forma sperimentale, per vedere se funziona e quindi potrebbe diventare definitivo”.

 

Studio Valerio
Di Fulco - Macelleria
Ottica Nuova Visione
Studio Valerio
Di Fulco - Macelleria
Ottica Nuova Visione