Monreale, il poliambulatorio Cirba opera tra mille difficoltà

Caputo chiede l'intervento della Asp di Palermo

MONREALE, 24 aprile – “Dovrebbe essere il fiore all'occhiello della sanità Monreale e invece offre servizi importanti al territorio tra mille disagi e difficoltà, nel disinteresse della politica locale e nei ritardi da parte dei vertici della azienda sanitaria provinciale”.

Lo afferma Salvino Caputo, candidato sindaco, ponendo l’accento in un lungo elenco su diverse presunte criticità del centro di piazzale Florio.

“La guardia medica continua ad essere ospitata in contrada Cirba – scrive Caputo – mentre gli uffici di salita Garibaldi continuano a restare chiusi per un banale problema di umidità. Il 118 occupa locali che certamente dovrebbero essere lasciati al poliambulatorio. Mancano servizi sanitari importanti come la cardiologia, l’oculistica e l’allergologia. L'ufficio per richiedere la esenzione ticket è stato spostato a Palermo con gravi disagi per le persone anziane. Stanze che ospitano ben quattro dipendenti. Mancanza di armadi e fascicoli accatastati. È Assurdo - prosegue Caputo che questa mattina si è recato a visitare i locali e incontrato il personale medico e amministrativo – che un presidio importante e strategico che serve una utenza di quasi 50 mila persone debba subire disagi per la mancanza di locali. Ho reso i miei ringraziamenti al responsabile, dottor Amato e ai funzionari e al personale per la dedizione al lavoro in condizioni di grandi disagi e difficoltà. Mi stupisce che la politica locale non si sia attivata per riaprire gli uffici di Salita Garibaldi per decongestionare i locali della Cirba. Ho immediatamente scritto ai vertici della azienda provinciale per assicurare tutti gli interventi per rendere più efficiente il poliambulatorio anche con la realizzazione di nuovi servizi come la cardiologia e oculistica e per riportare a Monreale il servizio di esenzione ticket”.

}(document,"script","twitter-wjs");

FORM_HEADER

FORM_CAPTCHA
FORM_CAPTCHA_REFRESH