Divorzio alla turca

Divorzio-alla-Turca

Di Esmahan Aykol

Ci siamo già imbattuti nelle disavventure di Kati Hirschel, libraia tedesca di Istanbul che nel suo negozio vende solo libri gialli di cui è ghiottissima. Stavolta si tratta di ficcare il naso in quello che viene presentato e infiocchettato come un incidente: la morte di Sani Ankaraligil, nuora di una delle famiglie più facoltose di Istanbul.

Redditi troppo alti e ambiente troppo “sù” per credere passivamente alla versione dell’incidente. Inoltre Sani aveva appena avviato le pratiche per il divorzio e presiede una strana associazione ambientalista (in una Tracia devastata dalla speculazione edilizia!). Ce n’è d’avanzo per catapultarsi nelle indagini, alla ricerca di un bandolo assai evanescente e insidioso.

Kati, infatti, non crede all’ovvio, diffida delle apparenze ed ha un talento per mettersi nei guai, insieme col suo collaboratore con cui intesse delle conversazioni intriganti ed esilaranti. Gustiamo ancora una volta uno spaccato della società di Istanbul, in continuo, vulcanico divenire. Vecchie leggi convivono con nuove usanze, mentre abitudini millenarie si aprono a pratiche innovative e originali.

Questo cocktail di vecchio e nuovo e soprattutto questo irresistibile ribollire di situazioni, intrighi e personaggi di ogni classe sociale rende lo sviluppo del giallo appassionante e frenetico. Il tutto è condito e reso imperdibile dall’umorismo frizzante che riconcilia con la vita. Ben più che una lettura molto piacevole, questo libro è una finestra su Istanbul e scatena la molla della nostra curiosità.

A proposito: in Turchia non esiste il regime di comunione di beni, per cui, all’atto del divorzio, ciascuno dei coniugi prende ciò che gli appartiene. Cosicché, poiché generalmente la moglie non possiede nulla, non è quasi mai lei a chiedere il divorzio, mentre è il marito il quale non è tenuto a “passare gli alimenti”. Anche queste considerazioni inducono Kati a non credere all’incidente!

Rosa La Rosa

Divorzio alla turca
di Esmahan Aykol

Editore: Sellerio

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna