Alcamo è biancazzurra, il Monreale porta a casa tre punti preziosi

Al PalaGrimaudo finisce 4-3 al termine di una partita combattuta. LE FOTO

ALCAMO, 4 ottobre – 30’ della ripresa, manca una manciata di secondi alla fine: Alqamah e Monreale sul 3-3 si stanno dividendo la posta al termine di una partita bella e combattuta che potrebbe finire con una tripla. Alberto Miranda mira la porta di casa e tira, il portiere avversario si fa trovare un po’ impreparato e il pallone entra. È il gol del 4-3 che regala al Monreale la vittoria e soprattutto tre punti pesanti.

 Abbiamo voluto cominciare dalla fine per raccontare la bella e importante vittoria dei biancazzurri al PalaGrimaudo, bella ed accogliente struttura della cittadina trapanese. Abbiamo cominciato da lì per far comprendere come ci sia stato bisogno di un episodio per decidere un match che si sarebbe potuto concludere in qualsiasi modo e che, con l’aiuto della Dea bendata, ha sorriso solo al Monreale.
Ci sembra giusto, inoltre, aggiungere un sentito plauso alla formazione bianconera che si è battuta con grande gagliardia e con spirito di abnegazione e che solo nel finale ha ceduto alla formazione normanna. Detto questo però, non possiamo e non dobbiamo sminuire la bella prova del Monreale, che dopo una partenza stentata, è riuscito a rialzare la testa, ribaltare lo 0-2 iniziale, fino al 3-2 a suo favore per poi andare avanti fino al 3-3 che sembrava inchiodato fino al triplice fischio.


Così come forse va sottolineata la falsa partenza biancazzurra, va messa in evidenza la bellissima reazione monrealese, indice di maturità e di carattere, dote che servirà, eccome, nel corso della stagione.
E allora vediamola la cronaca del match: non erano passati nemmeno 2’ quando Mauro Emmolo, appostato a pochi metri dalla porta monrealese, insaccava con una rapida deviazione. Al 14’ l’episodio che sembrava affossare definitivamente le speranze monrealesi. Il portiere del Monreale Gabriele Di Maria usciva dalla sua area, toccando il pallone con la testa e poi, involontariamente, forse con un braccio. L’arbitro Sparacello con una decisione forse un po’ frettolosa, espelleva il portiere. Sul conseguente calcio di punizione Monteleone realizzava, mettendo alle spalle di Catalano, entrato proprio pochi secondi prima. Partita chiusa? No, affatto. Mancavano ancora tantissimi minuti e il Monreale doveva ancora esprimere il meglio di sé.
Al 17’ capitan Pitarresi riceveva un calcione in piena area, proprio mentre stava per battere a rete: rigore netto. Dal dischetto Carletto Hamici non tradiva. Prima del riposo arrivava il 2-2: tiro libero per il Monreale e Pitarresi, bucava la rete alcamese.
Nella ripresa ancora emozioni: al 7’ Nanni Napoli si procurava un rigore, dopo essere stato travolto in piena area del portiere avversario. Lui stesso metteva il pallone sul dischetto e, più freddo di un iceberg, realizzava la rete del 3-2 Monreale. L’Alqamah, però, non mollava e perveniva al pareggio al 10’, ancora con Emmolo. Quando tutto lasciava presagire un pari e patta, arrivava il gol del definitivo 4-3, proprio in zona Cesarini con l’azione descritta in apertura.
Tre punti pesantissimi quindi per il Monreale, ma onore all’Alqamah per la caparbietà e la determinazione con cui ha giocato. Sabato prossimo l’appuntamento è fissato a Cruillas, dove ad attendere il Monreale ci sarà il Club P5. Sarà un altro ostacolo duro, ma sarà certamente una bella battaglia.

Le foto della gallery sono state realizzate da Francesca Asja La Torre

 

 

Ottica Nuova Visione
Di Fulco - Macelleria
Studio Valerio