Arrestato monrealese per detenzione finalizzata allo spaccio

Si tratta di Enthony Primizio, bloccato dai carabinieri in via Nasi a Palermo

 MONREALE, 22 dicembre – È stato arrestato con l’accusa di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti e successivamente, condotto presso il carcere dell’Ucciardone dove rimarrà custodito, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. Si tratta di Enthony Primizio, 21enne monrealese trovato in possesso di 200 grami di una sostanza che i carabinieri ritengono hashish.

Altofonte, sorpreso in flagrante a spacciare: arrestato

Il giovane è stato sottoposto ai domiciliari, in attesa del giudizio

ALTOFONTE, 22 dicembre – Ad Altofonte, nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti, i carabinieri della stazione locale, hanno tratto in arresto nella flagranza di reato di spaccio, il pregiudicato Francesco Alotta, nato a Palermo, classe 1983, residente ad Altofonte, disoccupato.

Solidarietà di Monreale News ai colleghi di TV7

Il cronista Nunzio Quatrosi e l'operatore Leonardo Cannizzo vittime di un'aggressione

MONREALE, 20 dicembre - Monreale News è vicina ai colleghi dell'emittente partinicese TV7, vittime di una vile aggressione mentre svolgevano il loro lavoro di cronisti con la professionalità, lo zelo ed il garbo che tutti gli riconoscono. Nell'esprimere solidarietà a Nunzio Quatrosi e Leonardo Cannizzo, Monreale News condanna fermamente simili episodi di violenza atti ad impedire l'esercizio del sacrosanto diritto di cronaca e della libertà di stampa, riconosciuta dalla Costituzione.

Paura per un bambino: è sparito. Poi torna a casa nel pomeriggio

Il bambino si era allontanato per andare a giocare con un compagno e non era tornato a casa

MONREALE, 19 dicembre – Si è conclusa soltanto con un grande spavento la vicenda del bambino che era temporaneamente scomparso stamattina. Un bimbo di dieci anni, il cui cognome comincia per "R", abitante in via Antonio Veneziano, stamattina, intorno alle 11,30 era uscito di casa per andare a trovare un suo amico. A ora di pranzo, però, non aveva fatto ritorno a casa, tanto che in poco tempo i familiari si erano allarmati. Il bambino infatti non è solito mancare di casa, senza preavviso. Quando non ce l'ha fatto più, il padre ha chiamato il 113, temendo che al piccolo fosse successo qualcosa.

Furto all'interno della cartoleria Lipari

 A metterlo a segno sarebbero state due donne con un bambino

MONREALE, 18 dicembre - Furto all'interno della cartoleria Lipari di via Archimede. Stamattina, durante le normali ore di apertura, intorno alle 11,30, due donne sono entrate all'interno del negozio, accompagnate da un bambino. Le donne si sono preoccupate di distrarre la titolare Vincenza Fiorito, 43 anni e la commessa.

Rubati i regali dell'Ecocentro destinati ai ragazzi per incentivare la raccolta diffrenziata

Trafugati palloni e biciclette dai locali di via Venero

MONREALE, 18 dicembre - «Questa notte sono stati danneggiati i locali di proprietà del Comune di Monreale, di via Venero, 201, destinati a ospitare l'Ecocentro gestito dalla società Alto Belice Ambiente per rilanciare il servizio di raccolta differenziata di rifiuti». A renderlo noto è Salvino Caputo, presidente del cda della società, che ha presentato denuncia presso la stazione dei carabinieri di Monreale.

Sarebbero due fiancheggiatori del boss Raccuglia: arrestati due uomini ad Altofonte

Avrebbero favorito la latitanza del boss altofontino

PALERMO, 16 dicembre - Nelle prime ore di oggi i carabinieri del Comando Provinciale di Palermo, hanno proceduto all'arresto di due presunti appartenenti a "Cosa Nostra", della famiglia mafiosa di Altofonte. Si tratta di Andrea Di Matteo, nato ad Altofonte , classe '67 e Salvatore Giuseppe Raccuglia, anche'egli di Altofonte, classe '59.

Aveva addosso mezzo chilo di hashish, in manette giovane ragusano

Il giovane è stato inseguito e bloccato in via Regione Siciliana a Palermo

MONREALE, 14 dicembre – Il giorno dopo l'operazione che ha consentito di bloccare un uomo con 5 chili di hashish all'interno della macchina, i carabinieri della Compagnia di Monreale, effettuano un altro arresto, sempre per motivi di droga. Ieri è finito in manetteo un giovane ragusano, Giovanni Cappello, 28enne operaio, trovato in possesso di mezzo chilo di hashish.

Trovato con 5 chili di hashish in auto, arrestato dopo un inseguimento di 50 chilometri

L'uomo, un 42enne palermitano, è stato bloccato a Scillato

MONREALE, 13 dicembre – Dopo un inseguimento durato circa 50 chilometri, i carabinieri di Monreale hanno arrestato un 42enne disoccupato palermitano. Si tratta di Ignazio Assenza, trovato con 5 chili di hashish nella macchina. L'operazione è cominciata intorno alle 19 di sabato. L’uomo, sul quale evidentemente gravavano alcuni sospetti, è stato seguito dai militari, che nel frattempo avevano chiamato rinforzi.

Una ragazza monrealese muore in un incidente stradale nel Vercellese

Si chiamava Sonia Giaccone. La strada ghiacciata la causa del sinistro

VERCELLI, 13 dicembre - Deve essere fatta ancora luce sulle cause dell'incidente che ha condotto alla morte Sonia Giaccone, 27 anni, monrealese d'origine, residente a Stroppiana, nel Vercellese. Un sinistro letale che è avvenuto stamani, lungo la statale che da Costanzana si dirige a Trino, due centri della provincia piemontese. Con ogni probabilità è stato il ghiaccio, che ricopriva l'asfalto nelle prime ore mattutine a fare sbandare l'auto di Sonia Giaccone, conducendola fuori strada.

San Martino: 69enne cade dall'altezza di tre metri e muore

Sulla vicenda indagano i carabinieri. Dovranno capire se si tratta di "morte bianca"

MONREALE, 11 dicembre – Deve essere fatta chiarezza sulla morte di un uomo di San Martino delle Scale. Si tratta di Andrea Candolo, 69 anni, pensionato, che è precipitato da un'altezza di circa tre metri, probabilmente da un ponteggio, mentre era intento a lavorare. Il fatto è avvenuto giovedì pomeriggio. Intorno alle le 16,30 l'uomo, per cause che ancora devono essere chiarite, mentre si trovava in contrada Testa dell'Acqua, è volato giù, riportando diverse lesioni. E' stato trasportato presso il Pronto soccorso dell'ospedale Ingrassia e poi a Villa Sofia, dove è deceduto intorno alle 19,30.

Distrutto il deposito de "La bottega del legno" a Olio di Lino

Sulla vicenda indagano i carabinieri. Al momento non si esclude alcuna pista

PALERMO, 8 dicembre – Vasto incendio all'interno di un magazzino e laboratorio di mobilificio. E' accaduto nella serata di ieri, verso le ore 21,30 circa, a Palermo, in via Olio di Lino 4, quando per cause in corso di accertamento, si sviluppava un incendio all'interno del capannone adibito a magazzino e laboratorio di pertinenza dell'attività commerciale "La bottega del legno s.n.c.", di proprietà di Salvatore Dominuco, nato ad Agrigento classe 1959, residente a Palermo, che andava completamente distrutto assieme a macchinari, mobilio e legno grezzo contenuti all'interno.

San Martino, trasportava rifiuti irregolarmente: arrestato 22enne

In provincia sono sei gli arrestati per motivi analoghi nei giorni scorsi

MONREALE, 5 dicembre - Un giovane di 22 anni è stato arrestato a San Martino della Scale perché sorpreso a bordo del proprio motocarro ad effettuare l'attività di raccolta e trasporto di materiale ferroso di vario genere in mancanza delle prescritte autorizzazioni. Si tratta di Vincenzo Carista, nato a Palermo, classe 1988. L'arrestato è stato tradotto presso il Tribunale di Palermo per il rito direttissimo conclusosi con la convalida dell'arresto ed il rinvio a giudizio. L'operazione si inquadra nell'ambito delle attività di controllo del territorio e di contrasto agli illeciti ambientali condotta dal Comando Provinciale di Palermo diretto dal Colonnello Teo Luzi.

Operazione "The end": domani la Commissione Antimafia a Partinico

Caputo: "Un gesto di forte attenzione da parte delle Istituzioni"

PALERMO, 1 dicembre – "La Commissione Regionale Antimafia domani alle 15 si riunirà presso la Sala Consiliare del Comune di Partinico per incontrare l'Amministrazione comunale e le Forze dell'ordine a seguito dei gravi atti intimidatori rivolti nei confronti di politici ed imprenditori e della operazione condotta dai carabinieri del Gruppo di Monreale che ha determinato l'arresto di 23 soggetti legati a cosa nostra".

Operazione antimafia dei carabinieri, 23 persone arrestate a Partinico

L'operazione "The end", condotta con oltre 200 uomini

PALERMO, 30 novembre - Vasta operazione antimafia dei Carabinieri del Gruppo di Monreale, che dalle prime ore dell'alba stanno eseguendo, nell'area di Partinico (centro alle porte del capoluogo) 23 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dalla D.D.A. di Palermo nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti appartenenti all'associazione per delinquere denominata "Cosa Nostra", gli indagati sono a vario titolo accusati di associazione per delinquere di tipo mafioso ed estorsione.

Incidente stradale in via Ponte Parco tra una Fiat 600 ed un Honda SH

Sulla vicenda indagano i Vigili Urbani. Il conducente dello scooter si è dato alla fuga

MONREALE, 9 dicembre – Un brutto incidente stradale si è verificato martedì scorso tra una macchina ed uno scooter. Intorno a mezzogiorno, in via Ponte Parco, all'altezza del civico 7, è avvenuto un frontale molto violento, a seguito del quale i due mezzi sono andati completamente distrutti. Lo scooter, un Honda SH 300, si è piegato in due, mentre la vettura, una Fiat 600, ha avuto totalmente danneggiata tutta la parte anteriore. I due mezzi attualmente sono stati posti sotto sequestro. .

Presunti emissari dell'Enel in giro per Monreale: occhio alla truffa

Della presenza di due donne sono già stati allertati i carabinieri

MONREALE, 6 dicembre – Girano da qualche giorno per gli edifici di Monreale due donne, col metodo del "porta a porta" affermando di essere emissari dell'Enel e chiedendo ai cittadini che aprono loro la porta di casa informazioni circa un presunto contratto relativo alla fascia bi-oraria dell'Enel. Le donne hanno una chiara inflessione albanese nel modo di parlare.L'orario preferito per effettuare questa azione è quello di pranzo, quando, molto spesso, nei palazzi dotati di servizio portineria, questo è sospeso, prima dell'apertura pomeridiana.

Minacce di morte al sindaco di San Giuseppe Jato

Lui dice: "Sono sereno, non mi lascerò intimidire da queste azioni"

SAN GIUSEPPE JATO, 2 dicembre - Il sindaco di San Giuseppe Jato, nonché presidente del Consorzio Sviluppo e Legalità, Giuseppe Siviglia è stato vittima di un atto intimidatorio. Gli è stata recapitata una lettera con minacce di morte. «Sono sereno - dice - e non mi lascerò intimidire da queste azioni. Proseguirò la mia azione amministrativa». Al sindaco è arrivata immediatamente la solidarietà di diversi esponenti del mondo politico.

Operazione "The end": le reazioni del mondo politico

Unanimi le congratulazioni con l'Arma dei carabinieri e con la magistratura

PALERMO, 30 novembre – Il duro colpo inferto alla cosca di Partinico, che ha portato all’arresto di 23 persone nell’ambito dell’operazione “The end” condotta dai carabinieri del Gruppo Monreale, ha suscitato una catena di reazioni del mondo politico. Tutti concordi, da destra a sinistra, nel complimentarsi con le forze dell’ordine e con la magistratura per aver concluso una lunga indagine, che già era partita con operazioni importanti, come "Terra Bruciata", "Araba Fenice" e "Chartago".

Operazione "The end", scompaginata la cosca di Partinico

Si tratta  della prosecuzione delle operazioni "Terra Bruciata", "Araba Fenice" e "Chartago"

PALERMO, 30 novembre – Ventitrè persone finite in carcere, la cosca di Partinico scompaginata. Sono questi i principali risultati dell'operazione "The End", condotta dai carabinieri del Gruppo di Monreale e dalla Dda. L'azione rappresenta la prosecuzione delle operazioni "Terra Bruciata", "Araba Fenice" e "Chartago" (tutte condotte dalle articolazioni del Gruppo di Monreale dell'Arma), che hanno assestato duri colpi al mandamento mafioso di Partinico, decapitandone i vertici.