Sacchetti di spazzatura lasciati davanti le abitazioni altrui: occorrono maggiori controlli

Il caso segnalato da una nostra lettrice

MONREALE, 28 luglio – Può essere definita, volendoci fare una battura sopra, la guerra del “sacchetto selvaggio”. È quella nella quale sono costretti a ritrovarsi alcuni cittadini che, pur rispettando le regole del conferimento secondo le modalità della raccolta differenziata nelle zone della città interessate da questa pratica, si ritrovano ad avere davanti casa propria dei sacchetti di spazzatura appartenenti ad altri. Lasciati da gente con scarsissima educazione e con senso civico pari allo zero, che camuffa il proprio conferimento abusivo, depositando la propria spazzatura davanti le abitazioni altrui.

Il caso, ma non è il primo, ci è stato segnalato da una nostra lettrice residente nel quartiere Carmine, che ha lamentato il gesto a dir poco incivile, di qualcuno del suo vicinato che, non si è fatto scrupoli di abbandonare il proprio sacchetto di immondizia davanti la sua abitazione.
L’episodio, al di là dell’apparente banalità, nasconde un problema ben più grosso, che è quello della carenza di controlli. Sapere di non essere beccati, infatti, dà la possibilità ai furbetti di agire in questo modo, per inviare il problema ad un altro cittadino e fare in modo di non incorrere in sanzioni per aver conferito in maniera errata il proprio sacchetto.
Questo comportamento invicile ovviamente vanifica e mortifica l’ottimo lavoro svolto dagli addetti al servizio di raccolta della ditta Mirto, che, dietro il coordinamento dell’assessorato comunale ai Servizi Ambientali, quotidianamente si impegnano per rendere la città più pulita.
Eppure quando è stata avviata la campagna di raccolta differenziata porta a porta erano fioccate le prime multe ed erano arrivate con esse anche le prima polemiche. Questo perchè i controlli funzionavano e gli agenti di Polizia Municipale, anche nelle ore notturne si erano presi la briga di effettuare dei controlli serrati smascherando i furbetti del conferimento selvaggio. Un altro giro di vite, probabilmente, scoraggerebbe quanti credono di potersi prendere gioco delle regole e del buon costume.

Commenti  

#1 Antonio 2017-07-28 12:30
D'accordo sul giro di vite, anch'io sono stato vittima dei furbetti dell'immondizia . La strada per raggiungere un pizzico di civiltà è lunga e in salita. Non vi è peró una buona organizzazione, che potrebbe scoraggiare gli incivili. La pulizia continua delle strade, lo spazzamento da parte degli addetti, è incostante. Quando si accumulano quantità enormi di cartacce ai bordi della strada si incoraggiano gli indisciplinati. Ho la ventura di abitare, per vari mesi all'anno, in via Manfredi. Non si vedono quasi mai netturbini al lavoro e i bordi della strada sono sporchi in modo immondo. Qualche mese fa è stata fatta una pulizia straordinaria; ma, come sempre, prevale la sottocultura dell'emergenza. Ai lavori straordinari non segue mai un'accurata manutenzione ordinaria. E di questo non possiamo dare la responsabilità ai cittadini incivili ma ad una amministrazione incapace di pensare a un programma ordinato di pulizia. Sembra che tutto venga organizzato senza una visione strategica del problema nel suo complesso. Pertanto, secondo me, vi è una responsabilità sicura di cittadini con sensibilità animalesca ma anche incapacità politica di programmare e insipienza dei dirigenti preposti al controllo.
Citazione
#2 zu toto 2017-07-28 13:50
Ha detto bene il sig.Antonio.... Manca chi controlla.... L'amministrazio ne sa quali strade vengono spazzate e quali invece no? Che si alzino il....sedere dalle poltrone e vadano in giro a verificare.... Specialmente la parte alta di Monreale
Citazione
#3 Adriana 2017-07-28 15:35
Confermo pienamente il commento di Antonio. Sono residente tutto l'anno nella Via Manfredi, ed essendo stata pure io vittima dei furbetti dell'immondizia ,posso asserire che, lo spazzamento e ' praticamente inesistente.. Aggiungo, inoltre, che la raccolta differenziata non viene fatta come è stata programmata all'inizio. Infatti ,ho scoperto che l'allumino viene conferito con l'indifferenzia ta. Questo è dovuto alla mancanza di informazione o il contratto non lo prevede? Per non parlare , poi, delle numerose carcasse di macchine abbandonate.... .
Citazione
#4 miguelangel 2017-07-28 16:29
vi sono assessori vecchi e assessori nuovi,consiglie ri comunale,dirige nti, funzionari adetti alla rappresentanza. ., cerimonieri del comune che nn si sa cosa fanno ... ottime risorse per essere impiegate al controllo sul territorio dei furbetti del rifiuto
Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna