Duomo di Monreale, 752 anni fa la dedicazione alla Vergine Maria

Da allora prese il nome di Santa Maria la Nuova

MONREALE, 25 aprile – Il 25 Aprile 1267, primo lunedì dopo l’ottava di Pasqua, il cardinale Rodolfo, vescovo di Albano, per speciale delegazione del papa Clemente IV, consacrò il Duomo di Monreale e lo dedicò alla natività della SS Vergine: da allora prese il nome di S. Maria Nuova.

Della solenne cerimonia esistono due importanti documenti conservati nel “Tabularium S.Mariae Novae”. Il primo, emesso a Monreale in data 25 Aprile 1267 , è del cardinale Rodolfo. Dovendo egli consacrare il tempio ,concede l’indulgenza di un anno e quaranta giorni “omnibus vere poenitentibus et confessis di ededicationis ipsius Eccclessiae usque ad festum Pentecostes proximo futurum” e l’indulgenza di 100 giorni “illis qui die lunae post octavas resurrectionis dominae ,annis singulis cum devotione praedictam Ecclesias visitaverint”.
Il secondo è dello stesso Clemente IV, emanato da Viterbo in data 23 maggio 1268 . Il Pontefice elargisce l’indulgenza di 100 giorni “omnibus … qui Ecclesias ipsam et eiusdem Virginis festivitatibus ed in anniversario dedicationis majoris altaris ,singulis annis , venerabiliter visitaverint “.


La pergamena originale che reca da una parte il volto di San Pietro e di San Paolo , dall’altra il nome del Pontefice. Sono testimonianza di questa consacrazione le 12 croci di porfido che si possono vedere nel tempio : sei all’interno ,nei muri laterali, tre nella abside maggiore, tre nel muro esterno del lato settentrionale della porta di ingresso secondaria, sopra lo stemma di Guglielmo II , entro uno scudo a mosaico. L’arcidiocesi di Monreale si appresta a ricordare con particolare rilievo la data sette volte centenaria della dedicazione del tempio ,il monumento più insigne dell’arte arabo-normanna in Sicilia, che il piissimo re Guglielmo Ii normanno ,volle edificare in onore della Vergine SS.ma ,assieme al Monastero. La costruzione si iniziò nel 1172 e già dagli inizi destò l’attenzione e la meraviglia del mondo per le sue forme colossali e la sontuosità . Il papa Alessandro III in una bolla del 1174 diretta al sovrano ,dice di avere appreso “non sine multo gaudio et laetitia cordis “ la notizia non solo dalle lettere del re ,ma anche da sicure relazioni di altri . E Lucio III ,nel 1182 ,elevato a sede arcivescovile Monreale e consacrando di sua mano l’abate Guglielmo primo arcivescovo ,manifestando la sua ammirazione ,afferma… “Ut simile opus per aliquem regem factum non fuerit a diebus antiquis et in admrationem adducat”. Con lavoro febbrile le numerose maestranze ,organizzate in squadre ,si diedero all’opera in modo da portare molto avanti la costruzione in breve volgere di tempo. Ed il tempio sorse maestoso ,solenne nella sua alta mole ,ricchissimo per le decorazioni come il giovane re lo aveva vagheggiato. Due poderose torri quadrangolari a quattro piani rientranti con monotore e bitore (la sinistra è interrotta al secondo piano ) incorniciano la facciata principale . All’ esterno il tempio non presenta decorazioni ,se si eccettuano le absidi dove gli archi a sesto acuto ,intersecandosi ,con intarsi di calcare e di lava ,presentano quel modo tipicamente siciliano di decorazione importato dai bizantini.
Ma quale splendore all’interno ! Ad entrarvi si rimane sorpresi, soggiogati dalla grandiosità dell’insieme congiunta alla eleganza delle linee architettoniche ,del disegno ,dell’ornato, delle decorazioni ,della luce , dei colori ,elementi tutti fusi insieme in una mirabile armonia . Diciotto colonne dividono la Basilica in tre navate ; sui capitelli si adagiano i morbidi pulvini dai quali si innalzano le armoniose arcate a sesto acuto dagli alti piedritti . Quattro grandiosi archi a sesto acuto determinano il presbiterio di forma quadrangolare . Una stupenda coltre musiva si estende per una superficie di 6340 mq. La più larga dopo S. Sofia di Costantinopoli. Tutta la serie è un magnifico inno al Verbo Incarnato ,al Cristo Pantocratore che, avvolto in regali paludamenti, domina dal catino dell’abside.

}(document,"script","twitter-wjs");