• Prima pagina
  • Cronaca
  • Politica
  • L’ufficio per l’impiego di Monreale serve anche Altofonte, Piana e Santa Cristina: noi paghiamo, ma gli altri?

L’ufficio per l’impiego di Monreale serve anche Altofonte, Piana e Santa Cristina: noi paghiamo, ma gli altri?

Salvo Intravaia

Giuseppe Guzzo ed Antonella Giuliano (FI) presentano un’interrogazione

MONREALE, 21 luglio – L’ufficio per l’impiego, ex ufficio di collocamento, ubicato nei locali di via Benedetto D’Acquisto in affitto al Comune di Monreale, serve anche le amministrazioni dei comuni di Altofonte, Piana degli Albanesi e Santa Cristina Gela. Proprio per questo motivo, in base alla normativa vigente, dovrebbe rimborsare una quota dell'affitto al comune ospitante, ossia proprio al comune di Monreale.

A parlare dell’argomento sono i due consiglieri comunali di Forza Italia, Giuseppe Guzzo ed Antonella Giuliano, che affermano di aver presentato un’interrogazione lo scorso 4 aprile all’amministrazione comunale, nella persona dell’assessore D’Alcamo, chiedendo di sapere se le amministrazioni comunali sopracitate avessero provveduto a rimborsare regolarmente le quote di loro spettanza inerenti gli affitti dei locali dell’ex ufficio di collocamento. Nella nota i due forzisti chiedevano di conoscere, “nella malaugurata ipotesi di mancato versamento dei relativi canoni, le eventuali azioni che l’amministrazione intendesse mettere in atto per il doveroso recupero delle somme”.
“Da allora il silenzio assoluto – dicono ancora Guzzo e Giuliano – Né l’assessore al ramo, né il sindaco rispondono, neppure dietro sollecito. Ci chiediamo naturalmente quale sia la difficoltà dell'amministrazione nel dare quelle risposte dovute non solo a noi ma a tutti i cittadini che, vessati da tasse esorbitanti, hanno il diritto di capire se il paese e i suoi conti-siano amministrati correttamente o se forse non sia il caso di apportare le giuste misure correttive per cercare di sanare eventuali mancanze. Noi – concludono – di sicuro non ci fermeremo nel sollecitare e, se del caso, nell’investire i superiori organi competenti finché la questione non venga chiarita”.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna