I carabinieri sequestrano per la seconda volta titoli e rapporti bancari intestati alla società “Giaconia srl”

L’azienda madonita vanta 38 punti vendita e circa 400 dipendenti

MONREALE, 6 luglio – I carabinieri del Gruppo di Monreale hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo, emesso dal Gip presso il Tribunale di Termini Imerese, Michele Guarnotta, nei confronti della “Giaconia srl”, azienda madonita operante nel settore della grande distribuzione organizzata, con sede a Petralia Sottana, che vanta numerosi supermercati nella Sicilia occidentale, sotto la propria insegna ed in affiliazione a grandi gruppi come Conad, Conadcity, Margherita, Mstore, Siperstore, Todis, Bimbostore e Toys-Bimbostore, per un totale di 38 punti vendita e circa 400 dipendenti.

La misura è scaturita a seguito dell’attività di controllo condotta il 13 settembre 2016, dall’Agenzia delle Entrate di Termini Imerese, che, come affermano i militari, avrebbe consentito di documentare, per l’anno 2013, l’omesso versamento, entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione annuale di sostituto d’imposta, ritenute dovute sulla base della stessa dichiarazione, relativa all’anno 2013, o comunque, risultanti dalla certificazione rilasciata dai sostituti, per un ammontare di 1.166.470,58 euro.
Inizialmente, l’Agenzia delle Entrate aveva presentato una comunicazione di notizia di reato in riferimento all’evasione dell’imposta sul valore aggiunto.
Per tale motivo, agli inizi dello scorso giugno, i carabinieri di Monreale, dopo mesi di certosino lavoro, che aveva consentito di mappare tutto il patrimonio mobiliare ed immobiliare del gruppo “Giaconia srl”, sequestravano, presso un istituto di credito palermitano, titoli di credito bancari per l’importo corrispondente all’imposta evasa.
Dopo l’esecuzione del sequestro disposto dal Giudice per le Indagini Preliminari di Termini Imerese, per violazione dell’articolo 10-ter D.Lgs 74/2000 (Omesso versamento di IVA), la locale Agenzia delle Entrate si era avveduta che l’atto trasmesso all’Autorità Giudiziaria avrebbe più correttamente dovuto riguardare l’omesso versamento delle ritenute, in quanto l’ammontare dell’Iva non versata non superava le soglie di penale rilevanza.
Per tale motivo il sequestro, originariamente disposto per omesso versamento IVA, veniva annullato, a seguito di ricorso da parte della Giaconia s.r.l., dal Tribunale del Riesame.
Nonostante quest’ultima società avesse nel frattempo aderito al piano di pagamento rateale delle ritenute evase, concordato con l’amministrazione finanziaria, gli inquirenti dimostravano come il debito non fosse estinto, motivo per cui il reato che ne derivava appariva pienamente provato e, a sua volta, non estinto, non essendo integralmente soddisfatto il debito tributario (comprensivo di interessi e sanzioni).
L’attività investigativa svolta dai carabinieri del Gruppo di Monreale è stata coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Termini Imerese, Annadomenica Gallucci.

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna