Scuola Guglielmo, l’accoglienza e la solidarietà i temi proposti a “Storie di libri”

Molteplici le iniziative realizzate da alunni e docenti. LE FOTO

MONREALE, 26 novembre – “L’accoglienza è il primo comandamento di ogni uomo. Accogli e condividi” è il titolo del lavoro presentato dalla scuola dell’infanzia e dalla primaria della scuola Guglielmo II a “Storie di libri tra Palermo e Monreale”, manifestazione che si è svolta sabato, giunta alla sua terza edizione.

“Quando il mese scorso abbiamo accettato la sfida di partecipare per il terzo anno all’evento Storie di libri tra Palermo e Monreale – affermano le insegnanti dell’istituto, che hanno dato vita alla manifestazione, assieme ai loro ragazzi – ci siamo imbarcate in un tema che poteva sembrare impossibile per la tenera età dei bambini di scuola dell’infanzia e scuola primaria: “ Sarina Ingrassia, la solidarietà e il volontariato a Monreale”.
La solidarietà è un valore che siamo soliti associare agli adulti. Come riuscire allora a trasmettere empatia e attenzione al prossimo sin dalla tenera età? Come far comprendere ai piccoli alunni cosa abbia fatto Sarina per le famiglie svantaggiate di Monreale?
Eppure, iniziato il lavoro, tutto ci è apparso fin da subito molto più semplice di quanto avessimo previsto. Parlare di Sarina Ingrassia e leggere passi del libro della sua vita “ Quando vivo stagioni d’amore” è sembrato la cosa più naturale del mondo, perché attingere dal reale, cioè dagli episodi di vita vera di una straordinaria monrealese, ha aiutato tutti noi, alunni ed insegnanti a capire realmente il suo grande cuore.
Visitare i luoghi di Sarina, parlare con chi l’ha conosciuta, conoscere Gina Campanella, nuovo presidente dell’associazione “Il Quartiere”, disegnare i luoghi e infine realizzare il video da presentare all’evento, ha molto emozionato i nostri alunni e noi“.


La Guglielmo II ha partecipato al gran completo all’evento “Storie di libri tra Palermo e Monreale” ed uno degli argomenti affrontati dalla scuola secondaria è stato non meno suggestivo del primo : la poetessa monrealese Giulia Candido che è stata docente proprio delI’istituto.
Pochi sanno che la Candido fu poetessa finissima in lingua siciliana “eletta (citando il preside Francesco Cino Cipolla, autore della prefazione alla raccolta di poesie) come la più idonea ad esprimere sentimenti e passioni che non potrebbero trovare o, comunque, provocare completa risonanza espressiva, se pensati in un diverso idioma” considerando il prepotente sentimento della sua terra che ha spinto l’autrice ad identificarsi nella sua lingua.
La scuola secondaria, inoltre, ha affrontato l’argomento del mosaico della cattedrale, narrando una delle storie più famose e significative della Bibbia “ Il diluvio universale”, attraverso una sua splendida rappresentazione incentrata proprio sui mosaici del duomo di Monreale.
Infine la scuola secondaria di San Martino delle Scale ha affrontato l’argomento di mastro Pietro Oddo e i mosaicisti dal titolo “Restauri e restauratori del Duomo di Monreale del XVI secolo ”, studiando e approfondendo l’argomento sui documenti lasciatici da Gaetano Millunzi, storico, letterario e presbitero monrealese.

I ragazzi hanno tutti lavorato con grande entusiasmo alla riuscita dell’evento, gli elaborati prodotti e le performance sono state di grande valore e i docenti con cura ed attenzione li hanno condotti ad apprezzare gli argomenti che stavano affrontando, perché l’amore per il proprio paese nasce dalla sua conoscenza.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna