Brucia il villaggio di Calampiso: ospiti in fuga con le barche, c’erano anche alcuni monrealesi

(Foto Sugameli)

Il gestore del bar di piazza Vittorio Emanuele, Ezio Mirto, scampato al rogo: “Siamo vivi per miracolo”

SAN VITO LO CAPO, 12 luglio – Cerano anche alcuni monrealesi in vacanza all’interno del villaggio di Calampiso, che è stato aggredito letteralmente dalle fiamme di un violentissimo incendio, che ha messo a rischio tante vite umane. Tanti villeggianti, infatti, sono stati tratti in salvo via mare e sono stati trasportati a San Vito lo Capo con le barche. Si sono vissuti momenti drammatici, con scene apocalittiche.

Dalle prime luci del giorno la nota località balneare è stata circondata dal fuoco. I forti venti non hanno aiutato le operazioni di spegnimento delle fiamme nonostante Vigili del Fuoco, Protezione Civile, Polizia Municipale, Carabinieri, Capitaneria, Forestale, Prefettura e tanti volontari abbiano fatto di tutto e stiano ancora continuando a farlo per provare ad arginarne la pericolosità. Sono tutti impegnati nel tentativo di salvaguardare l’incolumità delle persone che risiedono nel villaggio minacciato dalle fiamme, con la speranza che i Canadair riescano a domare l’incendio nel più breve tempo “Chiunque sia in possesso di imbarcazioni sicure ed affidabili - è stato l’accorato appello del sindaco di San Vito Lo Capo, Matteo Rizzo - si rechi urgentemente presso il villaggio Calampiso per aiutarci ad evacuare circa 700 persone dal villaggio!!! È urgentissimo”.
Fra gli scampati alle fiamme anche Ezio Mirto, gestore del noto bar di piazza Vittorio Emanuele, che si trovava a Calampiso per una giornata di mare. “Abbiamo avuto paura – afferma – è stato terribile, siamo vivi per miracolo. C’erano tanti bambini che piangevano, gente che ha perso effetti personali, macchine in fiamme ed il fuoco che arrivava fino alle case”.

 

 

Sicilinfissi
Al Rustico - Altofonte
Alotta-Altofonte