Incendio di monte Caputo, Arcidiacono chiede lo stato di calamità

“Occorre prendere coscienza, siamo davanti a mani criminali”

MONREALE, 3 agosto – Cinquanta, forse settanta, ettari di terreno andati in cenere. Ancora non si sa quante case e quante macchine bruciate. Settanta persone evacuate , per le quali il Comune ha messo a disposizione la scuola Veneziano, ma che hanno preferito trovare ricovero dai parenti o stazionare nella zona dei roghi per controllare di presenza l’evolversi della situazione.

È questo un primo, parziale, bilancio dell’inferno di stanotte, nel quale le fiamme hanno inghiottito monte Caputo, arrivando quasi fino a toccare il centro abitato monrealese. Il sindaco Alberto Arcidiacono, che per tutta la notte ha coordinato le operazioni di spegnimento, assieme a numerosi addetti ai lavori, chiede alla Regione lo stato di calamità per le zone interessate. “Siamo davanti a mani criminali – afferma – bisogna prendere coscienza e mandare segnali forti. Non é possibile mettere a repentaglio vite umane e un patrimonio ambientale di grandissimo valore”. Intanto già dalle prime ore di questa mattina sono intervenuti i candair che hanno effettuato la bonifica del territorio. “Rivolgo - ha concluso Arcidiacono - un particolare ringraziamento a tutte le forze dell’ordine, forestali, protezione civile, volontari e cittadini che hanno lavorato tutta la notte per aiutarci a spegnere i roghi e ci hanno sostenuto per superare un momento di grande difficoltà”.
Nella zona di San Martino delle Scale, per tutta la notte a presidiare e a dirigere le operazioni di spegnimento c’erano pure l’assessore regionale al Territorio, Toto Cordaro, il dirigente generale della Protezione Civile, Calogero Foti ed il dirigente regionale del Corpo Forestale, Filippo Principato.

 

COMMENTS_LIST_HEADER  

#1 PinoG Sabato, 03 Agosto 2019
Signor Sindaco .
Dopo la notte dell'inferno ... sul monte Caputo.
Non pensa sia ora di puntare i "piedi" sull'esigenza Urgente, per la istituzione di un valido distaccamento
dei Vigili Del Fuoco, di pronto intervento sul vasto territorio del suo Comune. Monreale?
Se non altro per scoraggiare e prevenire ... " Fatti Dolosi" E' notti di inferno, come l'incendio della notte appena passata?
BUTTON_QUOTE

FORM_HEADER

FORM_CAPTCHA
FORM_CAPTCHA_REFRESH