In questa pagina trovi le nostre recensioni in ordine di pubblicazione. Se vuoi puoi anche visionare l'elenco alfabetico delle pubblicazioni utilizzando il tasto qui sotto.


Ciò che inferno non è

Ciò che inferno non e

Di Alessandro D’Avenia

Credo che Palermo non abbia mai tributato il giusto riconoscimento di merito e la giusta gratitudine a padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia a Brancaccio il 15 settembre del 1993, giorno del suo 56° compleanno.

La manifestazione del 23 maggio, dedicata doverosamente ogni anno a Falcone e Borsellino, vede (per fortuna!) la partecipazione massiccia della città e di tanti studenti da tutta Italia e, da qualche anno, anche dal resto del mondo: sono diventati un simbolo e il simbolo aggrega.

Ancora oggi la loro foto che li ritrae confidenti e sorridenti è uno sprone per tutti noi per compiere il nostro dovere quotidiano “costi quello che costi”. La morte di padre Puglisi è vissuta dalla città in tono minore e ciò fa comprendere tante cose, a partire dalla scarsa considerazione in cui la nostra società tiene i bambini e i ragazzi per i quali padre Puglisi è morto.

Zia Antonia sapeva di menta

zia antonia sapeva di menta

Di Andrea Vitali

La storia di un’anziana ricoverata in una casa di riposo non sembrerebbe davvero offrire spunti di narrazione particolari, neppure se ci sono due nipoti, uno, Ernesto, dedito e premuroso e l’altro, Antonio, indifferente e succube del carattere deciso della moglie, ad attendere e toccare quasi con mano una favolosa eredità.

Ma l’umorismo e la sapienza narrativa dell’Autore fanno il miracolo. Ci si trasferisce da subito, con la mente, a Bellano, teatro della vicenda in cui troviamo tutti gli ingredienti per renderla saporita e appetibile: il prevosto cagionevole, la perpetua fedele, la superiora-maresciallo, il medico della casa di riposo, sensibile e accorto, il disponibile e gentile direttore della Banca del credito Orobico, i due fratelli rivali e la moglie frustrata di uno di essi, zia Antonia che si fida una sola volta nella vita della persona sbagliata, tanto aglio e due scatole di mentine.

Donne

donne

Di Andrea Camilleri

In questo libro Andrea Camilleri ha tratto ispirazione dalla sua vita privata per illustrarci un caleidoscopio di personaggi femminili.

Il filo conduttore del libro è infatti “la femminilità”, è un omaggio alle donne che hanno fatto parte della sua vita, ma anche alle donne famose della letteratura, a quelle della mitologia classica e ancora perfino alle eroine del passato.

Un totale di trentanove racconti che compongono questa antologia al femminile dalla struttura autobiografica. Sono storie d’amore, sono incontri di un istante, sono comunque figure indimenticabili.

Il telefono senza fili

telefono senza fili

Di Marco Malvaldi

Il pettegolezzo come strumento di propagazione di un’onda d’urto. La commissaria Alice Martelli sa bene che nell’ambientino del BarLume esso è molto più potente di Facebook e, se si vuole che una teoria, o un’idea, o un’ipotesi arrivi nel più breve tempo possibile a tutta la comunità, occorre scatenare il pettegolezzo più provinciale, supponente e diabolico di cui siano capaci i pensionati nullafacenti, cultori della chiacchiera nel bar di Massimo.

Vanessa Benedetti, moglie di Gianfranco, gestore di un agriturismo in odore di crisi, sparisce all’improvviso, dopo aver ordinato presso il macellaio quintali di carne per la cena dei suoi clienti. Va detto che Vanessa e Gianfranco hanno da tempo divorziato, pur continuando a occuparsi insieme dell’agriturismo.

In fondo al tuo cuore

In fondo al tuo cuore

Di Maurizio De Giovanni

Libro che si apre sulla descrizione del caldo, quello vero. Noi ne sappiamo qualcosa e conosciamo l’esasperazione degli stati d’animo provocata dal caldo. Il disagio diventa depressione, senso di impotenza, mancanza di fiducia in se stessi; il fastidio diventa ostilità e, alla lunga, odio verso chi ce lo procura; l’ottundimento della razionalità ci porta a scelte sbagliate o ad atteggiamenti inconsapevoli che in momenti di maggiore lucidità rinnegheremmo e condanneremmo.

In questa prospettiva si apre il sipario su una Napoli impietosamente assolata. Cade dalla finestra un medico molto famoso, rinomato e rispettato, indagando sul quale si scopre che tradisce la moglie, che ha tradito più di un amico e che occupa abusivamente la sua cattedra all’università. La vicenda si sposta indietro nel tempo, a quando due ragazzini si stendevano sulle gomene del porto a guardare i piroscafi che partivano per l’America e sognavano di partire giurandosi eterno amore.

Storia della mia calvizie

Storia della mia calvizie

Di Marek van der Jagt

Ma che storia può essere mai quella di una calvizie? Una piccola storia, che parla della vita privata di un ragazzo debole, di intelligenza brillante, ricchissimo, di bell’aspetto, di famiglia agiata in una civilissima Vienna contemporanea.

Le connotazioni generali della storia sono tali da non indurre in noi alcuna curiosità: non c’è il tema del riscatto sociale, né crisi generazionali, né dibattito politico, eppure … non si riesce a smettere di leggere questo romanzo troppo divertente!

Marek vive in una casa sontuosa nel centro storico di Vienna col fratello disinibito e brillante e coi genitori troppo presi di sé: il padre sempre assente per lavoro e la madre egocentrica, incantevole e incapace di ascoltarlo che poi sarà sostituita da un’insopportabile matrigna.

La briscola in cinque

la briscola in 5

Di Marco Malvaldi

Benedetta provincia! E provvidenziale dialetto!

Alla fine della lettura di questo godibilissimo giallo, si rimane grati alla vita di provincia che, con la sua ricchezza e con la protervia con cui si abbarbica alle abitudini, funziona da contrasto all’omologazione del consumismo, specie di quello turistico che in Italia ha devastato il tessuto umano fatto di parchi da gioco per bambini, di panchine per gli anziani e di ombrelloni e pasta al forno in disco-pub e rastrelliere per i motori.

Da un cassonetto vicino al Bar Lume, situato a Pineta, cittadina immaginaria in provincia di Livorno, emerge la testa di una ragazza morta ammazzata.

Tango a Istanbul

tango a istanbul

Di Esmahan Aykol

Nil, amica della collega di Kati Hirschel, ha avuto un arresto cardiaco ed è all’ospedale a lottare fra la vita e la morte. Ma è una giornalista disoccupata! Come può condurre una vita così agiata che le consente di abitare nel quartiere più lussuoso di Istanbul, tenendo in casa perfino un quadro autentico di Julian Opie, oltre a un arredo da design?Kati Hirschel è una tedesca stambuliota che ha una libreria nel centro di Istanbul dedicata esclusivamente ai libri gialli e ha il pallino delle indagini. Perciò non fa la schizzinosa quando la veggente dove è andata insieme col suo amico Fofo vede nella sua vita un cadavere di donna.

Scatta al contrario in lei la curiosità. Ma non c’è apparentemente alcun delitto, perché la “vittima” ha avuto un arresto cardiaco e non è ancora morta, ma la scoperta del tenore di vita di Nil convince anche Hakan, il fratello, ad affidare ufficialmente le indagini a Kati che, comunque, le ha già avviate, senza alcun incarico.

La rivoluzione dimenticata

La rivoluzione dimenticata

Di Lucio Russo

Mi ero spesso chiesta come mai nel terzo secolo a.C. esistessero scienziati del calibro di Euclide, Archimede, Aristarco, Eratostene, Erofilo, Ipparco e altri e nella Roma imperiale non ci fossero poi scienziati della stessa levatura? Per non parlare del Medio Evo!

Come mai Eratostene misura la circonferenza terrestre nel terzo secolo a.C. e Cristoforo Colombo deve vivere la sua Odissea in età moderna per dimostrare la sfericità della Terra? Perché a scuola ci hanno sempre detto che il periodo alessandrino è un periodo di decadenza rispetto ai due secoli precedenti, quelli di Socrate, Platone, Aristotele?

Non è forse in età alessandrina che operano gli scienziati che abbiamo ricordato? Il faro di Alessandria, che proietta la sua luce a 50 km di distanza non è forse una delle sette meraviglie del mondo antico?

Treno di notte per Lisbona

Treno di notte per Lisbona

Di Pascal Mercier

Chi siamo veramente? Tutti abbiamo conosciuto certamente tante persone assolutamente “prevedibili”, sempre uguali a se stesse. Eppure, in ognuno di noi esiste una moltitudine, una “folla di molte specie che pensa e sente in modo diverso” (Pessoa, Livro do desassossego, 1932).

Raimund Gregorius insegna al liceo classico di Berna ed è un erudito, specialista in greco, latino ed ebraico. Abitudinario all’ossessione, egli percorre le vie di Berna sempre allo stesso modo, alle stesse ore e vive interamente assorbito dal suo mondo fatto di scritti classici e di studi filologici.

Un giorno d’inverno, per caso, egli salva dal suicidio una giovane donna che sta per buttarsi nell’Aar dal ponte di Kirchenfeld, che conduce al liceo. La salva agendo d’istinto e in un breve dialogo le chiede: “Qual è la sua madrelingua?”. Lei risponde: “Português”.