Eureka Evolution
  • Prima pagina
  • Cultura
  • La Via Crucis vivente emoziona ancora: centinaia di persone alla seconda edizione

La Via Crucis vivente emoziona ancora: centinaia di persone alla seconda edizione

La manifestazione ha preso il via da piazza Guglielmo e si è conclusa ai giardini vescovili. LE FOTO

MONREALE, 14 aprile – Un anno fa un tempo incerto e coperto, oggi uno splendido sole, anche se temperatura decisamente pungente. Variabili atmosferiche che, però, così come l’anno scorso, non hanno inficiato la bella riuscita della via Crucis vivente, quest’anno, quindi, giunta alla sua seconda edizione.

Con maestria organizzativa e con grande attenzione ai particolari sono stati rinnovati i tempi di padre Lorenzo Bertolino, quando la manifestazione veniva organizzata e rappresentata alla Montagnella. Location dell’edizione di quest’anno, invece, in maniera quasi identica a quella della scorsa edizione, è stato il centro storico della città, con inizio della manifestazione a piazza Guglielmo, dove Cristo si è presentato davanti a Pilato e conclusione nei giardini vescovili, dove è avvenuta la scena-madre della crocifissione e quella successiva della deposizione dalla croce e della sepoltura.
Così come un anno fa, centinaia di persone hanno assistito con raccoglimento ed emozione alla rappresentazione organizzata dalla Pro Loco Monreale e dall’associazione Civitas Mediterranea, con la collAborazione degli Scout di San Benedetto, dell’associazione Regius e dell’Associazione Commercianti Monreale. Ha collaborato pure la Parrocchia della cattedrale S. Maria la Nuova e l’associazione Carabinieri in congedo che hanno curato il servizio d’ordine. Quest’anno è arrivato pure il patrocinio del Comune di Monreale e dell’Ars.


Rispettati tutti i passaggi tradizionali della Via Crucis, quelli che abbiamo tutti imparato durante gli anni del catechismo: dalle tre cadute di Gesù lungo il suo Calvario, all’incontro con il Cireneo, a quello con la Veronica.
Ancora una volta di prim’ordine l’interpretazione di Toti Badagliacca, che ha magistralmente impersonato la figura di Cristo, resistendo pure stoicamente ad una temperatura per nulla gradevole. Alla scena della Crocifissione ha assistito raccolto e commosso anche l’arcivescovo di Monreale, monsignor Michele Pennisi, che al termine della manifestazione ha impartito pure una benedizione a tutti partecipanti. L’evento è stato seguito in diretta da Monreale News che ha proposto un seguitissimo streaming su Facebook.
Alla fine, appuntamento al prossimo anno, per una terza edizione che, certamente, emozionerà ancora.