• Prima pagina
  • Diocesi
  • Parrocchie
  • Don Innocenzo Bellante nuovo uomo di punta nazionale del Movimento di Impegno Educativo e Culturale dell'Azione Cattolica

Don Innocenzo Bellante nuovo uomo di punta nazionale del Movimento di Impegno Educativo e Culturale dell'Azione Cattolica

Don Innocenzo Bellante

Lo ha stabilito nei giorni scorsi la Conferenza Episcopale Italiana

ROMA, 24 maggio – Una prestigiosa nomina per don Innocenzo Bellante, parroco della chiesa di Santa Teresa. Il Consiglio Episcopale Permanente della Conferenza Episcopale Italiana, infatti, nella sessione straordinaria del 22 maggio, ha provveduto, tra le altre, alla sua nomina, ad assistente ecclesiastico nazionale sia del Movimento di Impegno Educativo di Azione Cattolica (Mieac) che del Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale (Meic).

Don Innocenzo Bellante, 74 anni, dall’ottobre del 2015 regge le sorti della parrocchia di Santa Teresa del Bambino Gesù, è anche docente di Storia e Filosofia, ex rettore del seminario arcivescovile di Monreale. Per dodici anni del suo mandato presbiteriale era stato alla guida della parrocchia di Maria Santissima del Rosario di Villaciambra.
Tornando alla nomina, la Cei, nella stessa seduta, ha inoltre nominato don Andrea Albertin, della Diocesi di Padova, Assistente ecclesiastico nazionale della Federazione Universitaria Cattolica Italiana (Fuci). Martina Occhipinti, della Diocesi di Ragusa, sarà la Presidente nazionale femminile della Fuci per il prossimo biennio.

“A don Innocenzo – si legge in una nota dell’Azione Cattolica – a don Andrea e a Martina vanno gli auguri e le felicitazioni della Presidenza nazionale e l’abbraccio di tutta l’Associazione. Anche con il loro servizio, continueremo il nostro impegno per la crescita della comunità ecclesiale, per renderla sempre più esperta in umanità e promuoverne la presenza e l’azione nel mondo, con la testimonianza della vita, la freschezza dell’annuncio, la competenza e la coerenza nel costruire, con i nostri ragazzi, i giovani, gli adulti, le famiglie, e con i tanti sacerdoti assistenti, quel cambiamento che la società italiana chiede e attende: il bene comune.
Un ringraziamento sentito va a don Antonio Mastantuono, attuale vice Assitente generale dell'Ac, che ha preceduto don Andrea nell'incarico di assistente Fuci, a don Giovanni Tangorra che ha preceduto don Innocenzo quale assistente del Meic, a don Michele Pace che è stato assistente del Mieac e a Gabriella Serra che lascia la presidenza Fuci.

FORM_HEADER

FORM_CAPTCHA
FORM_CAPTCHA_REFRESH